Maroni: “Costruiremo a MalpensaFiere il nuovo ospedale unico”

I sindaci Antonelli e Cassani hanno coinvolto il presidente della Regione sul problema dei due nosocomi. “Sono vecchi e inadeguati”

Il 27 luglio Antonelli e Cassani hanno inviato una lettera al Presidente Roberto Maroni. Il contenuto riguardava le condizioni degli ospedali delle due città.

 

Le due strutture sono vecchie e inadeguate e i sindaci hanno ribadito l’esigenza di fare qualcosa subito. “Busto Arsizio e Gallarate si meritano di più. Chiediamo al Presidente, responsabile anche della sanità lombarda, di venire a vedere lo stato dei nostri nosocomi”.

 

La risposta di Maroni non si è fatta attendere ed ha subito preso contatto con i primi cittadini. “Nei primi giorni di settembre farò il sopralluogo con i due sindaci. Abbiamo già iniziato a ragionare sulle soluzioni possibili. Antonelli e Cassani sono disponibili a valutare la costruzione di un nuovo ospedale su un’area comoda per entrambi le città. Il luogo più adatto potrebbe essere l’area di MalpensaFiere. Avremmo così due vantaggi. Una collocazione ideale per tutta la popolazione e una soluzione per la Camera di commercio dato che quella struttura pesa non poco sull’ente”.

Il polo fieristico, così come attualmente è, non andrebbe bene e sarebbe necessario demolirlo per ricostruire. Sono alcuni anni che a più riprese esce il tema di cosa farne di quell’area. Camera di commercio ha sempre pensato che la collocazione del centro fosse ideale per sviluppare tante attività a servizio delle imprese e del territorio.

Ora sull’ente camerale, oltre alle diverse vedute delle realtà che lo compongono, pesa l’incognita di come saranno i decreti attuativi della legge Madia. Non è ancora chiaro se

 

Varese manterrà una sua autonomia o dovrà andare insieme a qualche altra provincia. Inoltre ci sarebbero una serie di norme legate al destino delle proprietà immobiliari.

In ogni caso oggi il presidente Maroni è stato chiaro: “MalpensaFiere è la soluzione migliore, ma stiamo valutando anche altre due aree. In ogni caso andiamo verso l’unificazione dei due ospedali”

Nei prossimi mesi c’è da credere che questo tema diventerà scottante per le due amministrazioni che per ora hanno subito trovato la disponibilità di Maroni a prendere in considerazione un progetto per un nuovo ospedale unito.