Marche: Camera di Commercio unica regionale. L’idea dell’assessore Bora miete consensi

Altra Testata - 05/05/2016

PU24.IT

Camera di commercio unica, la Regione va avanti. E la posizione dell’assessore Manuela Bora è netta e decisa nei confronti degli enti camerali delle province marchigiane: “Non si può venire in Regione quando si ha bisogno e poi disattendere le linee di orientamento”. La responsabile della Regione Marche alla Attività produttive con delega alle Camere di Commercio l’ha espressa davanti al Consiglio della Camera di Commercio di Pesaro e Urbino riunito per approvare, oltre al bilancio consuntivo, una mozione relativa proprio al percorso di razionalizzazione del sistema camerale marchigiano. Un percorso, come ha sottolineato più volte l’assessore Bora, che ha visto “ con Pesaro un dialogo costruttivo e utile. Un atteggiamento collaborativo e di confronto che non ho riscontrato in altri territori che hanno invece sollevato rilievi di ingerenza e invadenza nei ruoli. Ricordo che la nella riforma costituzionale, la competenza esclusiva in materia di sviluppo economico è affidata alle Regioni”. Ha poi comunque aggiunto di aver “raccolto consensi sulla Camera regionale unica”. Ed è d’accordo con l’indicazione del presidente della Cciaa di Pesaro Urbino Alberto Drudidi non aspettare il decreto legislativo, ma di andare avanti con le proposte per riempirlo di contenuti”, dichiarando di essere in costante contatto con il ministro Madia. In base ai tempi tecnici per l’adozione, approvazione e pubblicazione del decreto, è stata ipotizzata come data per l’entrata a regime della Camera regionale unica il primo gennaio del 2018.