Marche amera commercio unica: Lega Nord, nostra fiducia tradita Camera commercio unica: Lega Nord, nostra fiducia tradita

Altra Testata - 11/05/2017

“Nel maggio dello scorso anno la Lega Nord aveva votato a favore di una mozione volta a un processo di riordino delle funzioni delle Camere di Commercio, nell’ottica di una generale razionalizzazione e conseguente revisione della spesa pubblica. Dopo un anno, la tanto auspicata riforma si traduce in una ennesima e semplice operazione di taglio, che configura una regione sempre più Pesaro-centrica, penalizzando i territori del sud delle Marche, già fortemente in affanno”. Così la consigliera regionale Marzia Malaigia (Ln).
“Eravamo sicuramente perplessi di fronte alla mozione – aggiunge il capogruppo Sandro Zaffiri -, ma avevamo voluto offrire un segno di fiducia, e ‘sfidato’ il governo regionale a dimostrarci che il progetto non doveva indicare una, due, tre Camere di commercio, ma assumere l’impegno di una vera riforma, per un territorio con migliaia di piccole aziende che hanno bisogno e diritto di avere servizi. Avevamo preannunciato che avremmo vigilato e così stiamo facendo, opponendoci alla scelta ricattatoria dell’assessore Bora di presentare a Unioncamere una sola Camera di commercio per le Marche, prevedendo un finanziamento nel bilancio regionale di 3 milioni di euro”. “E’ evidente – conclude la Lega Nord – che ci sono tre territori, Fermano, Maceratese e Piceno, che hanno espresso chiaramente la loro posizione. I territori chiedono due Camere, quella Nord (Pesaro e Ancona) e quella Sud (che dovrebbe comprendere le restanti province). L’assessore Bora dovrebbe rispettare tali decisioni, poiché rappresentano tutte le categorie”.