MalpensaFiere zona franca per la fantasia, in oltre ottomila a Milano Comics&Games

Malpensa24 - 18/09/2022

«Non possiamo che essere soddisfatti», ha commentato Claudia Lugli di Blu Nautilus di fronte agli oltre ottomila ingressi di ieri, sabato 17 settembre, nella prima giornata di Milano Comics&Games a MalpensaFiere che ha visto lo spazio espositivo di Busto diventare meta degli appassionati di fumetti, videogiochi e dell’immaginario fantastico di tutte le età.


Con la novità dell’estensione della manifestazione a un nuovo padiglione, che ha ospitato il carro armato della realtà virtuale di Nocntrl, i simulatori di Volandia e le costruzioni con i mattoncini, dalle tradizionali riproduzioni di circuiti ferroviari e cittadine allo shuttle e ai film di Indiana Jones.


Dalla sfida a colpi di K-pop a quella con le spade laser
Non sono mancati i classici appuntamenti delle edizioni precedenti come il palco e lo schermo all’esterno destinato al dance contest di K-pop, che ha visto la performance di Jessica Liu chiudere le esibizioni prima dell’arrivo dei cantanti, e il ring della Total Combat Wrestling che ha avuto come “main event“ lo scontro tra Emanuel El G. e Danny Wolf, terminato con la vittoria del primo.


A passeggio tra i vari stand, che a fumetti, action figure, Gunpla e miniature fantasy stampate in 3D alternavano accessori per cosplayer e street food giapponese, era possibile incontrare, oltre ai famosi fratelli di Mario Bros, varie versioni dell’Uomo Ragno e di Batman, Harley Quinn e Topolino fino ai Ghostbusters, Austin Powers, Billy il pupazzo della saga di Saw o il sith Kylo Ren. Ai fan di Star Wars l’accademia Ludosport Porta dei Laghi ha offerto anche l’occasione di ammirare, al piano superiore, i duelli con la spada laser dei suoi atleti.


Per gli amanti del puro passatempo ludico è stata come sempre riservata un area specifica per cimentarsi con il gaming, partendo da titoli immortali come Street Fighter 2 per arrivare a quelli più moderni, e con i giochi di carte collezionabili come Magic The Gathering.


Spazi di evasione e un fenomeno ormai trasversale
Sul fronte dell’Estremo Oriente, ai membri di Alba presenti si contrappovenano tanti ammiratori di Naruto e dei ninja del villaggio della Foglia, insieme ai pirati di One Piece, Asuka e Rey di Evangelion, Trunks e Vegeta di Dragonball Z, Ken Kaneki di Tokyo Ghoul, Sailor Moon e Sailor Mercury fino a 2B di NieR:Automata e Morrigan di Darkstalkers dal mondo dei videogame.


«“Express yourself”, come dice Madonna», ha commentato Lugli. «Questa è una zona franca per dar libero sfogo alla fantasia, dove tutti possono vivere qualche ora di spensieratezza. C’è bisogno di spazi di evasione come questi: ormai si tratta di un fenomeno trasversale, che coinvolge dai nonni ai nipoti. E l’allargarsi a un terzo padiglione ha permesso l’apertura a nuove attrazioni come la realtà virtuale o Mattoncinando!: tutte proposte che rientrano sotto quel grande cappello che è la cultura pop».


Per Tommaso Bianchi, artista di Varese e firma dei fumetti Bonelli all’opera all’area Dada Editore insieme a Ivan Calcaterra, storico autore di Nathan Never e Thomas Carpinteri, creatore del manifesto dell’evento, «Milano Comics&Games è imperdibile. E soprattutto per noi “local”, perché non si limita a un unico appuntamento all’anno».