MalpensaFiere Stop a code e auto ovunque

La Prealpina - 10/07/2017

«Non si è creata nessuna coda, e finalmente sono stati eliminati tutti quei parcheggi abusivi che si formavano nelle vicinanze di MalpensaFiere». Il vicesindaco Stefano Ferrario stila un bilancio positivo del debutto delle modifiche alla viabilità sperimentate venerdì e ieri attorno a MalpensaFiere in occasione di Latinfiexpo, il festival latinoamericano che, solo nei primi venti giorni, ha attirato 56mila visitatori. La novità di questo fine settimana è stata appunto la chiusura di via XI Settembre (la strada su cui sorge il polo fieristico), dalle 19 alle 3 del mattino, con ingresso consentito solo al parcheggio ufficiale di Latinfiexpo, quello a pagamento (2,50 euro).

«I dati dicono che venerdì sera il parcheggio del Festival ha fatto registrare un aumento di accessi pari al 15% – fa sapere il vicesindaco Ferrario – venerdì sera mi sono recato sul posto per vedere i primi effetti dell’ordinanza. Bene, ho potuto constatare che non si sono formate code né ingorghi. L’altro aspetto positivo – nota Ferrario – è che in questo modo non si formano più quei parcheggi selvaggi e abusivi sui prati e sui marciapiedi di via XI Settembre». Certo, ora bisognerà attendere l’esito del banco di prova più delicato, quello del sabato sera, quando gli accessi a MalpensaFiere aumentano significativamente. «Ma dai primi riscontri il provvedimento sta funzionando – osserva ancora il vicesindaco – noi lavoriamo per migliorare la situazione, insieme alla polizia locale e l’assessore Rogora. Ma bisogna fare le cose con logica, non proponendo soluzioni di fatto inattuabili come la chiusura di tutti gli accessi a Sant’Anna ai non residenti».

L’assessore alla Sicurezza Max Rogora è sulla stessa lunghezza d’onda: «Sono stato il primo a valutare l’idea di istituire una Ztl a Sant’Anna durante il festival, ma anche il primo a rendermi conto che un provvedimento di questo tipo è difficilmente praticabile – sottolinea Rogora – che senso avrebbe, ad esempio, vietare l’ingresso ai clienti dei bar? O agli amici e parenti dei residenti? Non faremmo altro che aggiungere un altro disagio a quello che già esiste». Vicesindaco e assessore alla Sicurezza concordano anche sul fatto che molti frequentatori del festival lascino l’auto a Sant’Anna non per evitare di pagare i 2 euro e 50 di parcheggio, quanto per sfuggire all’alcol test a cui sono sottoposti all’uscita da MalpensaFiere. Da qui la proposta di Rogora: «Suggerirò alla polizia stradale di appostarsi nei pressi delle rotonde, anziché fuori dal festival».

«Le nostre strade restano strapiene di auto. Ora basta»

 

«Non solo non hanno risolto il problema, ma l’hanno addirittura peggiorato». Per Franco Cascio, portavoce dei residenti di Sant’Anna, la chiusura serale di via XI Settembre non serve a evitare che le strade del quartiere vengano invase dalle auto dei visitatori del festival Latinfiexpo. «A darci fastidio – ribadisce Cascio – sono i rumori molesti provocati dalla gente che viene a riprendere l’auto alla fine della serata. Chiudere via XI Settembre non è servito a nulla, perché anche venerdì sera le nostre strade erano strapiene di auto. Ho visto una macchina rischiare di urtarne altre per provare a uscire da un parcheggio totalmente congestionato». Per Cascio la soluzione è una sola: «Bisogna consentire l’accesso al quartiere solo ai residenti. Non dico tutto l’anno, ma perlomeno durante lo svolgimento del festival. La situazione attuale è ingestibile. Serve un provvedimento drastico: chi non abita a Sant’Anna, vada a parcheggiare altrove».

La pensa in questo modo anche Antonio L’Abbruzzi, portavoce del gruppo Busto da Vivere: «Venerdì siamo andati a vedere la situazione, e ci sembra che le cose siano peggiorate – nota L’Abbruzzi – a nostro parere non serve a nulla mettere le transenne per bloccare l’ingresso in via XI Settembre, perché così facendo si invitano i frequentatori di Latinfiexpo ad entrare in Sant’Anna. Infatti è proprio quello che è accaduto: già alle 22 il quartiere era pieno di automobili. L’unico rimedio è mettere le transenne agli ingressi di Sant’Anna, consentendo il transito solo ai residenti. A questo scopo stiamo preparando un’istanza all’indirizzo della giunta per creare una Ztl dalle 20 alle 3 nel periodo del festival. Siamo pronti a raccogliere le firme tra i residenti».