Malpensa arricchisce i Comuni Zona 10 minuti: 52mila multe

La Prealpina - 20/01/2017

Sono state 53.488 le sanzioni erogate – i dati ufficiali si fermano a novembre 2016 – dagli agenti di polizia locale dell’Unione dei Comuni tra Malpensa, Lonate Pozzolo e Ferno in quello che è stato l’ultimo anno di attività del comando capitanato da Maria Cristina Fossati e guidato da una decina di giorni – da lunedì 9 gennaio – dal nuovo comandante della vigilanza Costantino Gemelli. Balza all’occhio il numero elevatissimo di sanzioni e non fa nemmeno rumore la diminuzione di oltre 8.600 sanzioni rispetto al 2015 dovuta non solo a Expo Milano, ma anche al fatto che in quel caso i mesi considerati erano dodici.

Numeri e incassi

Dunque nei primi undici mesi del 2016 sono state comminate 52.468 multe a Malpensa grazie alla Ztc (Zona traffico controllato dell’Area dieci minuti), 509 a Lonate Pozzolo, 230 a Ferno e 71 a Vizzola Ticino. Nel 2015 le multe erogate erano state 61.953, di cui 61.151 a Malpensa, 467 a Lonate Pozzolo, 255 a Ferno e 80 a Vizzola Ticino. Se nel 2015 l’incasso per l’Ente unione si è aggirato intorno ai tre milioni di euro, le prime stime non definitive per l’anno appena trascorso farebbero presagire un introito per l’Unione di circa 2.500.000 euro. Di questi – tolte tutte le spese di gestione e gli oneri – circa un milione, questo l’auspicio del primo cittadino di Lonate Pozzolo Danilo Rivolta – potrebbero essere ripartiti tra i due comuni.

Principali violazioni

All’interno delle 53.488 sanzioni – ha fatto sapere il nuovo comandante Gemelli – sono state riscontrate 119 segnalazioni e ritiri di documenti, 95 patenti di guida sospese, ritirate o revocate, 5 carte di circolazione ritirate e un ritiro di targa. Inoltre ci sono state 631 rimozioni di veicoli e 288 violazioni per la decurtazione dei punti della patente. Che in totale sono stati 938. Sono state inoltre accertate 97 violazioni a regolamenti comunali ed ordinanze e sono stati trattati 1141 ricorsi proposti alla Prefettura di Varese per violazioni al codice della strada. Ma l’attività è stata pure altro

Incidenti stradali

L’attività della centrale operativa è riassunta in 639 richieste di intervento al centralini, 40 oggetti rinvenuti e 24 notizie di reato. Di queste 23 a carico di soggetti noti alle forze dell’ordine e uno a carico di ignoti. I reati ambientali ed edilizi sono stati sedici e nove i sequestri penali. Per quanto invece concerne l’infortunistica stradale sono stati rilevati dal comando con sede in via Trento a Ferno 86 incidenti stradali. Di questi 25 a Ferno, 57 a Lonate Pozzolo e 4 a Vizzola Ticino. Due le persone decedute e 48 quelle rimaste ferite. Infine l’attività di controllo e monitoraggio del territorio con ben 236 ore di servizio erogate per il “Security Point” o polizia di prossimità nei centri, piazze e luoghi più critici dei territori. Sono stati compiuti 155 sopralluoghi ai mercati. 103 a Lonate e 52 a Ferno.

Nuovi progetti

Ecco le idee per il 2017 del comandante Gemelli: «Implementare la sicurezza dei cittadini, più divise in strada, potenziare e migliorare il controllo del vicinato, riottenere la fiducia delle popolazioni nei confronti del vigile, instaurare un rapporto rinnovato e positivo con la cittadinanza per una sicurezza non solo percepita ma vissuta». Insomma il cambio al comando deciso dalle due amministrazioni civiche vuole questo. Un comando con meno burocrazia, meno ufficio, più strada.