Lunghi: «Aziende più appetibili per attrarre i giovani»

Prealpina.it - 16/06/2022

«Ma se non si trovano più lavoratori la responsabilità non sarà almeno un po’ anche di chi non è più capace di attrarli?».

A porre l’interrogativo sui social è Fabio Lunghi, presidente della Camera di commercio di Varese, spinto alla riflessione dopo aver ascoltato imprenditori di tutti i settori in grosse difficoltà nel riuscire a trovare nuovo personale. «Con chiunque si parli – spiega Lunghi – il discorso è sempre lo stesso: non riesco a trovare personale. Mi ci metto anch’io che da due anni cerco nuove persone da inserire nella mia attività. Per questo mi sono fatto qualche domanda e vorrei che anche i miei colleghi imprenditori facessero qualche riflessione».

POCO APPETIBILI

L’interrogativo posto dal presidente della Camera di commercio è chiaro: non è che magari il modo in cui gli imprenditori si pongono non è più appetibile? «Io ho una figlia di 17 anni e queste domande mi sono sorte proprio parlando con lei – prosegue il presidente – Oggi i giovani parlano linguaggi diversi dai nostri e si vede già nei curricula. Il posto fisso non è più il loro interesse primario. Vogliono lavorare in una azienda che dia loro opportunità di crescita, che dia loro la possibilità di coltivare anche gli interessi personali, e che offra un ambiente sereno. Noi dobbiamo far capire che li vogliamo per le loro idee, indipendentemente dall’esperienza, perché anche le loro idee possono far crescere l’azienda».

AZIENDA SEXY

Lunghi ammette di non avere la ricetta perfetta, ma resta convinto che «sia necessario capire che cosa rende sexy e desiderabile una azienda agli occhi dei giovani».