Low cost in altalena

La Prealpina - 14/01/2021

Ryanair getta la spugna: la pandemia continua a imperversare, l’immunità di gregge è un miraggio e nuove restrizioni alla circolazione sembrano dietro l’angolo. Ecco perché la compagnia ha deciso di procedere a ulteriori riduzioni dei voli (una scelta che, seppure in modo minimo, inciderà anche su Malpensa). Ancora a disposizione per i prossimi cinque giorni, invece, biglietti a prezzo ridotto e flessibili per molti voli di easyJet.

La sforbiciata
Un taglio dei voli fino al 31 gennaio: questa la scelta operata dalla società irlandese, che ha palesato l’intenzione di protrarre le riduzioni
dei voli fino a quando non saranno revocate le restrizioni e i lockdown in vigore in molti Stati. A influire i numeri impietosi, che parlano di 1,3 milioni di passeggeri in meno rispetto a gennaio 2020. Il taglio si  accompagnerà all’abbandono di undici scali italiani
dal 19 al 31 gennaio. Si tratta degli aeroporti di Alghero, Cuneo, Trieste, Ancona, Rimini, Genova, Parma, Pescara, Perugia, Crotone e
Comiso. Nessun volo della compagnia partirà o atterrerà in questi scali minori. La decisione finisce per coinvolgere Malpensa,
che in questi mesi ha garantito una manciata di collegamenti settimanali con Alghero e Comiso. Per la cittadina siciliana sono già terminati i voli in programma, mentre da e verso quella sarda si avranno ancora due movimenti sabato sera (una partenza e un arrivo) e, ultimi prima dello stop, altri due martedì 19 (un aereo partirà alle 16, un altro giungerà
alle 19). Non si tratta, come si è specificato, di mete particolarmente battute (per le quali, almeno per ora, Ryanair continuerà ad assicurare il servizio). Ma, in tempi come quelli attuali, qualsiasi nuova minima contrazione
si fa sentire. Si è d’altronde avuto modo di sottolineare più volte il ruolo ormai preponderante svolto dalle low cost nello scalo: l’idea che pure queste finiscano per arrendersi genera ansia e timori. D’altra parte, vi è chi
spera di rilanciarsi e resistere con la strategia dei ticket in offerta speciale: è il caso di EasyJet.

Le promozioni
Martedì 19 gennaio diventa un giorno da segnare sul calendario pure per la low cost: alle 23 di tale data scade il termine ultimo per prenotare biglietti in promozione. La società ha deciso da tempo di sostenere sconti del 40%
riguardanti 100mila posti su tratte selezionate da e per l’Italia, per viaggiare dal primo febbraio al 31 ottobre. Ulteriore particolarità dei biglietti in esame: la possibilità di modificare la data senza pagamento della tassa di cambio volo fino a quattordici giorni prima della partenza. Una scelta che vuole incentivare i passeggeri a viaggiare e allo stesso tempo permettere loro di disdire agevolmente i voli in caso di nuovi incrementi dei casi di Covid-19. Da Malpensa si potrà pertanto viaggiare a prezzi convenienti verso il Meridione, l’Europa mediterranea, quella del Nord e altre mete ancora. Nelle prossime settimane si saprà se la strategia riporterà ossigeno allo scalo.