Libero o a maggior tutela Il mercato può ridurre il conto

La Provincia Varese - 02/06/2016

Non solo bonus energia: per famiglie e imprese il taglio della bolletta passa anche dalle tante offerte presenti sul mercato libero e da un abbattimento dei costi che si è registrato nel corso degli ultimi anni anche per il mercato a maggior tutela, ovvero quello in cui le tariffe sono dettate dall’Autorità per l’Energia e il Gas. A dirlo è una indagine condotta dal sito SosTariffe.it per gas e luce secondo la quale il risparmio medio annuo sul mercato libero è aumentato in quattro anni. Si è passati da una media di 118 euro nel 2012 a 194 euro nel 2015. Ma anche il mercato tutelato è più vantaggioso di prima: nel 2012 le variazioni trimestrali segnavano un rincaro medio in bolletta di 39 euro, mentre nel 2015 si registra un calo di 38 euro. Da parte delle associazioni dei consumatori non mancano i consigli in questo senso: le opportunità vanno sempre vagliate molto attentamente e, soprattutto, occorre anche sempre avere presenti i propri livelli di consumo prima di accettare una proposta che potrebbe non essere adatta al tipo di esigenze. Informarsi sulle proposte in essere diventerà sempre più necessario dal momento che il passaggio al mercato libero sarà probabilmente obbligatorio per tutti nel 2018, con la fine del mercato a maggior tutela sia per le utenze domestiche che per le imprese