Leonardo in Polonia continua a crescere

Leonardo, Polish Armament Group e diverse altre realtà industriali e della ricerca in Polonia presentano al salone MSPO 2019 una versione dell’elicottero militare multiruolo W-3 Sokól. Nelle sue diverse varianti il W-3 viene realizzato da PZL-Swidnik che rappresenta la base industriale di Leonardo in Polonia in campo elicotteristico. L’elicottero sarà dotato di nuove pale e di un nuovo rotore principale unitamente ad avionica completamente digitale e comprendente un nuovo cockpit, sistema di gestione del volo, visione sintetica in grado di riprodurre in modo virtuale sul cockpit l’ambientazione esterna, mappe digitali e sistema anticollisione, un moderno autopilota, nuovi sistemi di comunicazione, interventi sui motori e sistema di diagnostica dello stato di efficienza dei componenti.

A queste modifiche si aggiungono nuovi equipaggiamenti di missione e 200 kg in più di carico utile (con un aumento del peso massimo al decollo che sale così a 6,6 tonnellate) che assicureranno significativi miglioramenti in termini di prestazioni e capacità operative. A MSPO 2019 viene esposto in particolare un mock-up del cockpit del W-3 di nuova generazione.

La nuova variante dell’elicottero dimostra le capacità dell’industria polacca in questo campo per soddisfare le esigenze delle forze armate nazionali. Il nuovo W-3 sarà in grado di rispondere ai più recenti requisiti in ambito NATO permettendo così ai Sokól di restare in servizio per i prossimi 30 anni, superando le obsolescenze delle precedenti versioni e avvicinandosi agli standard più moderni. «Un aspetto significativo nello sviluppo del W-3 di nuova generazione è rappresentato dal trasferimento di tecnologia al fine di assicurare ai clienti autonomia operativa e il maggior coinvolgimento possibile dell’industria polacca», afferma Gian Piero Cutillo, capo della Divisione Elicotteri di Leonardo: «In particolare, il nostro partner Polish Armaments Group avrà un ruolo importante in quanto sarà pienamente coinvolto in tutte le fasi del programma, dalla progettazione allo sviluppo, fino alla produzione e al supporto degli elicotteri in futuro». .

«Il nostro Gruppo contribuisce a questo programma di ammodernamento con soluzioni allo stato dell’arte e competenze specifiche», aggiunge Sebastian Chwalek, vice presidente di Polish Armaments Group, «tra le quali l’armamento guidato e non guidato. L’integrazione di tali equipaggiamenti sull’elicottero W-3 consentirà al nuovo modello di supportare efficacemente il personale nello svolgimento dei propri compiti, assicurando al contempo l’accesso da parte delle Forze Armate polacche a munizionamento condiviso con altri operatori della NATO». L’elicottero W-3 di nuova generazione assicurerà importanti capacità operative per le forze armate polacche con un’ampia gamma di equipaggiamenti di missione e comprendenti sistemi d’arma (missili aria-aria e anti-carro, lanciarazzi da 70 mm, pod per mitragliatrici e cannoni da 12,7/20mm, mitragliatrici installate in cabina), oltre a sistemi di autoprotezione, sistema elettrottico, capacità di visione notturna e Head Up Display. L’elicottero sarà in grado di svolgere molteplici missioni quali trasporto truppe, operazioni con forze speciali, ricerca e soccorso in combattimento, intelligence, sorveglianza e ricognizione armata, evacuazione medica.

La presenza industriale di Leonardo in Polonia è principalmente rappresentata da PZL-Swidnik, il costruttore elicotteristico con 65 anni di esperienza acquista attraverso la costruzione di più di 7400 elicotteri per clienti in oltre 40 paesi. La Polonia è in tal modo divenuta una delle poche nazioni con la capacità progettare, sviluppare, produrre e supportare i propri elicotteri. PZL-Swidnik è un partner fondamentale del Ministero della Difesa polacco: quasi 160 elicotteri di sua produzione sono in servizio con le forze armate polacche. Di questi, circa 70 sono W-3. PZL-Swidnik impiega attualmente circa 3.000 dipendenti, di cui oltre 650 ingegneri, e collabora con più di 800 aziende polacche. Leonardo è inoltre presente in Polonia con altri importanti programmi militari. Questi comprendono il velivolo da addestramento M-346 Bielik per l’Aeronautica Militare e il programma Rosomak per l’Esercito implementato con PGZ.