Le meraviglie d’Europa nell’app made in Varese

La Prealpina - 16/02/2017

Dai mari della Coppa America alel bellezze artistiche della Toscana, innanzi tutto, dell’Italia e dell’Europa. E’ il percorso di Emanuele Brugnoni, titolare della Ebs Informatica di Castiglione Olona, che, con i suoi collaboratori, si è inventato una app che consente di scoprire il luoghi più belli da vedere nel Vecchio Continente. Eupolia, questo il nome dell’applicazione, non solo piace agli utenti (in un mese e mezzo ha conquistato 18mila follower su Instagram) ma anche agli addetti ai lavori. Nei giorni scorsi, infatti, l’imprenditore varesino ha conquistato il primo premio per la categoria “Digital Identity” nell’ambito del Gran Premio dell’identità di Marca.

«Siamo orgogliosi e felici di questo premio – racconta Brugnoni – Eupolia è la moderna concezione del diario dell’esploratore, dove raccontare il proprio viaggio non finisce con un elenco di posti da vedere o cose da fare, ma è un insieme di emozioni che ognuno vive e che diventano ricchezza per gli altri». L’idea è di mostrare il bello, attraverso le opere d’arte, i paesaggi scorci inediti e luoghi da scoprire. al bando le critiche, vale soltanto ciò che genera emozioni positive. «Il nostro obiettivo è migliorare la qualità del tempo di chi viaggia», afferma Brugnoni. E non solo.

Aver creato la nuova app, infatti, ha comportato anche l’assunzione di due persone che se ne occupano a tempo pieno insieme allo stesso Brugnoni e al figlio Yari. Assunzioni che – nonostante l’applicazione sia gratuita per chi la utilizza – si accompagnano a una crescita aziendale senza precedenti. «Al momento con questa app non guadagno nulla in termini di denaro – sottolinea Brugnoni – ma è un veicolo di reputazione per la mia azienda». Insomma, la qualità paga anche se non direttamente in euro. Del resto, Ebs, in questi anni non soltanto ha fronteggiato a testa alta il periodo di crisi econimica, ma ha saputo anche mettere le ali. Fondata 25 anni fa da Brugnoni nel cuore del Varesotto, la società, che si occupa di seguire le aziende nei processi gestionali, vanta nel suo palmarés clienti internazionali e marchi importanti del Made in Italy. Uno su tutti, quello di Prada. «Noi abbiamo seguuito per 15 anni la gestione dell’America’s Cup di Prada – ricorda ancora Brugnoni – e in seguito abbiamo lavorato per la gestione delle vetrine del marchio in tutto il mondo. In quegli anni ho vissuto ad Arezzo e ho potuto conoscere in maniera diretta angoli meravigliosi della Toscana, rimanendone affascinato». Quello per le terre toscane è un vero e proprio amore, al punto da decidere di aprire un bed&breakfast tra le colline. Ed è proprio lì che nasce la primissima idea di Eupolia. «Abbiamo iniziato a fornire un servizio ai nostri clienti per la Toscana – spiega Brugnoni – e abbiamo visto che era apprezzato. A quel punto ci siamo messi al lavoro seriamente, creando un brand con Univisual e una nuova app per l’Europa». Da lì alla vittoria del premio, il passo è stato breve.