Le imprese varesine parlano sempre più cinese

La Provincia Varese - 30/01/2017

Una giornata importante, quella di oggi, per la comunità cinese della provincia di Varese; il 28 gennaio coincide infatti con il Capodanno cinese che darà inizio in questo 2017, all’anno del gallo. A festeggiare oggi la ricorrenza saranno anche i tanti titolari delle varie attività produttive e commerciali presenti sul nostro territorio; un’occasione propizia anche per fare il punto sulla presenza di imprenditori e imprese cinesi in provincia di Varese. Numeri in crescita nel 2016 rispetto al 2015; secondo i dati elaborati dalla Camera di Commercio di Milano, sui dati del registro imprese del 2016 e del 2015, le imprese attive a guida cinese nel terzo trimestre 2016 sono state 535, contro le 507 dello stesso periodo dell’anno precedente. Un aumento quindi del 5.5% che dimostra l’importanza della presenza cinese nel tessuto produttivo della provincia di Varese; in Lombardia, sono invece in totale 9.692 le aziende guidate da un imprenditore proveniente dalla Cina, ovvero il 20% nazionale. Per quanto riguarda le altre province della nostra regione, gli imprenditori cinesi sono ben radicati non soltanto a Milano, ma anche Mantova e Bergamo, ma a crescere di più, tra il 2015 e il 2016, sono stati Lodi, Como e Lecco. Ma quali sono i settori del sistema produttivo dove gli imprenditori cinesi sono più attivi in provincia di Varese? In base ai dati riferiti al terzo trimestre dell’anno scorso, a dominare (e non è certo una sorpresa) è il settore delle attività dei servizi di alloggio e ristorazione con 145 imprese, ovvero il 27.1% del totale; a seguire a breve distanza, con 136 (25.4% del totale) sono le attività del commercio all’ingrosso e al dettaglio e anche in questo caso non c’è da sorprendersi più di tanto. A destare maggiore sorpresa è invece il numero delle aziende a guida cinese, attive nel comparto della manifattura, che con un totale di 130 si va a piazzare al terzo posto di questa classifica, a un’incollatura dal settore del commercio, rappresentando il 24.3% del totale. Gli altri settori dell’economia raccolgono le briciole; in provincia di Varese ci sono sei imprese cinesi attive nei servizi di supporto alle imprese, noleggio e agenzie viaggi e altrettante nel comparto delle attività artistiche, sportive e di intrattenimento, mentre sono due sono le attività cinesi nel settore delle costruzioni e una soltanto in quello dell’agricoltura. Il commercio è la prima attività cinese a Milano, mentre la ristorazione domina a Bergamo, Cremona, Lecco, Lodi, Pavia, Sondrio e anche Varese con il 27.1% del totale. Ci sono insomma tutte le premesse perché l’anno del gallo che ufficialmente inizia oggi sia di buon auspicio per la comunità cinese varesina e anche per quella imprenditoriale.