Lavori al capolinea. Il Museo dei fossili riaprirà ai visitatori

La Prealpina - 14/09/2020

C’è attesa per la riapertura al pubblico del Museo civico dei fossili di Besano, dove si stanno ultimando i lavori per il completo rinnovamento
delle sale espositive.
Non è la prima volta che lo storico museo di via Prestini, in centro paese, inaugurato nel 1981 e nel quale sono in mostra ittiosauri, pesci, piante del
Triassico medio rinvenuti nel territorio comunale ed oggi tutelati dall’Unesco come patrimonio dell’umanità, resta chiuso.

Avvenne, per importanti lavori di restauro, già dal 1992 al 2000. «Si è approfittato anche della chiusura imposta dal periodo di lockdown – spiega il sindaco Leslie Mulas – per effettuare i previsti lavori di rinnovamento che
contiamo di completare entro fine mese».

Nelle quattro sale al piano superiore dell’edificio sono stati completamente rinnovati gli arredi e le vetrine espositive. Ci saranno nuove descrizioni
dei fossili esposti e sussidi tattili per i non vedenti.
Sarà inoltre allestita una postazione multimediale per la videoproiezione.

Sono lavori che hanno comportato una spesa complessiva di 98.000 euro e per i quali il Comune ha ottenuto da Regione Lombardia un contributo
di 48.500 euro.

È’ stata anche restaurata una ricostruzione a grandezza naturale del Besanosauro, esposta nella corte della palazzina.
La principale attrazione del museo besanese è proprio il calco del Besanosauro, un ittiosauro lungo quasi sei metri, che è il più grande rettile marino scoperto in Italia. Lo scheletro completo, rinvenuto
nel 1993 nello scavo del Sasso Caldo, rappresenta il ritrovamento più spettacolare negli scisti bituminosi.
Questo grande ittiosauro visse 235 milioni di anni fa in un caldo mare tropicale simile a quello che oggi troviamo alle isole Bahamas o nel
Golfo Persico.
Gli scavi a Besano cominciarono nel 1863, condotti dalla Società italiana di Scienze naturali, presieduta da Antonio Stoppani. Nel 1975 venne aperto un nuovo scavo in località Rio Ponticelli per ricostituire la collezione dei fossili di Besano custodita nel Museo di Storia Naturale di Milano e poi andata persa nel 1943 per i bombardamenti della seconda guerra mondiale.