Latte con etichetta d’origine Domani novità sugli scaffali

La Prealpina - 18/04/2017

Da domani niente più inganni per chi vuole acquistare latte e formaggi 100% italiani. Scatta in Italia l’obbligo di indicare in etichetta su tutte le confezioni dei prodotti lattiero-caseari, l’origine delle materie prime in maniera chiara, visibile e facilmente leggibile. E questo per latte, burro, yogurt, mozzarella, formaggi e latticini a base di latte vaccino, ovicaprino, bufalino e di altra origine animale. L’obbligo dell’indicazione in etichetta arriva a tre mesi dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto firmato dai ministri delle politiche Agricole Maurizio Martina e dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, in attuazione del regolamento Ue n. 1169/2011.

«È una svolta storica che permetterà di inaugurare un rapporto più trasparente e sicuro tra allevatori, produttori e consumatori», commenta il ministro Martina, «stiamo lavorando per estendere l’obbligo dell’origine in etichetta anche ad altre filiere, a partire da grano, pasta e riso. Spingeremo con forza affinché questo modello si affermi a livello europeo».

Passando ai fatti, da domani le etichette di tutte le confezioni di latte e prodotti lattiero-caseari devono indicare il nome del Paese in cui è stato munto il latte e quello in cui è stato condizionato o trasformato. Qualora il latte o il latte utilizzato come ingrediente sia stato munto, confezionato e trasformato nello stesso Paese, l’indicazione di origine può essere assolta con una sola dicitura: “Origine del latte: Italia”.

Se le fasi di confezionamento e trasformazione avvengono nel territorio di più Paesi ma diversi dall’Italia, possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture: “latte di Paesi Ue” se la mungitura avviene in uno o più Paesi europei; “latte condizionato o trasformato in Paesi Ue”, se queste fasi avvengono in uno o più Paesi europei.

Se le operazioni avvengono fuori dall’Ue, invece la dicitura è “Paesi non Ue”. Sono esclusi dall’obbligo di origine in etichetta solo i prodotti Dop e Igp che hanno già disciplinari relativi anche all’origine e il latte fresco già tracciato.

L’etichetta di origine era molto attesa per questi prodotti proprio perché l’Italia, come ricorda la Coldiretti, che fortemente sostenuto il provvedimento e che definisce il nuovo obbligo «un momento storico per il made in Italy», è il più grande importatore di latte nel mondo; basti pensare che 3 cartoni di latte Uht su 4 sono di fatto stranieri, come anche la materia prima della metà delle mozzarelle.

«Un provvedimento che esalta il valore del sistema cooperativo, costituito da molti allevatori italiani, e tutela maggiormente i consumatori» è il plauso di Trevalli Cooperlat al Decreto ministeriale . «Questo decreto tuttavia non cambia la nostra visione e il nostro modo di agire – commenta in una nota Paolo Fabiani, presidente di Trevalli – in quanto già allineati sia nel contenuto che nella prassi. Siamo però lieti che il legislatore abbia ritenuto di valorizzare la trasparenza e tutte quelle esperienze produttive che da sempre mettono al centro la filiera, dal primo all’ultimo anello della catena».