L’assunzione si firma con gli Its

Alla fine della scuola superiore, una volta ottenuta la maturità, c’è una strada che porta direttamente al primo impiego in azienda. È quella degli istituti tecnici superiori, gli Its, che rappresentano una occasione concreto di accesso al mondo del lavoro . Lo testimoniano i dati relativi al monitoraggio 2018 condotto dall’istituto Indire (Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca): a meno di un anno dal conseguimento del titolo di studio, ben l’82,5% dei diplomati ITS è infatti occupato per un profilo coerente con le competenze acquisite.

Occupazione spesso trovata proprio in quelle aziende che sono coinvolte nelle attività di questo segmento professionalizzante del sistema educativo italiano. Le chiavi del successo sono la possibilità di contare su una formazione on the job e la presenza di docenti che provengono dal mondo del lavoro: oltre il 50% degli insegnanti sono imprenditori o loro collaboratori mentre circa il 30% sono liberi professionisti.

Un modello virtuoso, dunque, che la provincia di Varese ha già fatto proprio e che intende sviluppare ulteriormente. Sono quattro i percorsi già attivi in provincia : dal tessile innovativo all’information Technology fino all’edilizia sostenibile e alla logistica. Nello specifico, si tratta dell’Its Cosmo di Busto Arsizio, dedicato all’innovazione nel tessile e i nuovi materiali, il Red di Varese, il cui focus è sulla formazione di tecnici in materia di risparmio energetico e di edilizia sostenibile, l’Incom ancora di Busto Arsizio, che affronta il tema delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, oltre all’Lms (Lombardia Mobilità Sostenibile), che nella propria sede di Somma Lombardo sviluppa nei giovani allievi competenze collegate alla manutenzione degli aerei e alla logistica integrata. Martedì prossimo, queste prime esperienze saranno illustrate nel corso di un workshop ad hoc, organizzato dalla Camera di Commercio di varese a Ville Ponti, nell’ambito del suo progetto di Orientamento al Lavoro e alle Professioni, in collaborazione con Provincia e Ufficio Scolastico. Sarà presente anche Giovanni brugnoli, vice presidente Confindustria con delega al Capitale Umano .

«Il workshop rappresenta un momento importante di analisi e approfondimento – sottolinea il presidente della Camera di Commercio varesina, Fabio Lunghi -su temi di sempre maggior rilievo in materia di orientamento. Come ente, abbiamo aderito al Tavolo Unico Provinciale Scuola, Formazione e Lavoro proprio perché occorre, oggi in misura ancora maggiore, saper trovare modalità valide e innovative per far avvicinare il mondo dell’istruzione a quello dell’impresa. Gli Its sono uno strumento formativo che risponde appieno a queste caratteristiche. Dobbiamo valorizzarli maggiormente così da farli conoscere sempre di più alle aziende e ai nostri ragazzi, offrendo loro opportunità di crescita professionale indirizzata a concreti sbocchi occupazionali. Mi rivolgo allora, in particolare, alle imprese invitandole a partecipare al convegno, perché quello degli Its è uno strumento formidabile».

Valutazioni che condivide il consigliere provinciale delegato alla materia, Mattia Premazzi: «Del resto, la Provincia è presente dall’origine come partner istituzionale nelle Fondazioni e partecipa attivamente a tutte le iniziative che consentono di aumentare la conoscenza e la diffusione di questa formazione terziaria. I risultati dei percorsi sono così performanti che provano, al di là di qualsiasi dubbio, che quando scuola e impresa si parlano il riscontro è l’eccellenza».

Lo stesso dirigente dell’Ufficio Scolastico territoriale di Varese, Claudio Merletti, ribadisce che «gli ITS costituiscono la dimensione del concreto e del futuro della formazione e istruzione terziaria avanzata indispensabile per rispondere ai bisogni e incoraggiare lo sviluppo di produzioni e servizi profondamente connotanti le vocazioni del nostro territorio».