Landini a Malpensa: Un cuore pulsante

Sold out a Malpensa per il segretario generale della Cgil Maurizio Landini: stamattina verrà ad inaugurare la nuova Camera del Lavoro al piano arrivi del Terminal 1.

Il taglio del nastro è in programma verso le 13, al termine di un “attivo” che, nella sala del Malpensa Center, coinvolgerà in primis i delegati e le delegate delle categorie maggiormente rappresentate nell’aeroporto, come Filt, Filcams e Nidil (moderati da Saverio Innocenzio della Filt), e che vedrà intervenire il segretario generale della Cgil di Varese Umberto Colombo, prima di lasciare le conclusioni al successore di Susanna Camusso alla guida della più grande confederazione sindacale italiana. La presenza di Maurizio Landini a Malpensa ha scatenato una serie di richieste di partecipazione impossibili da conciliare con gli spazi messi a disposizione da Sea all’interno dell’aeroporto, tanto che il segretario generale della Cgil alle 14 concederà il “bis” a Malpensafiere, per poter incontrare tutti i delegati e gli iscritti della provincia di Varese.

«Una presenza importantissima, che ci onora e che non è solo simbolica», assicura Umberto Colombo, convinto che Landini rilancerà i temi cardine su cui ha avviato il suo lavoro alla guida del sindacato.

La scelta della Cgil di Varese di aprire una vera e propria Camera del Lavoro all’interno del Terminal 1 di Malpensa «fa parte di un percorso – spiega il segretario provinciale Umberto Colombo – iniziato quando, con le categorie più presenti in aeroporto, ci siamo interrogati su come affrontare in maniera determinata e quali azioni più efficaci si possano proporre in un luogo di lavoro particolare come Malpensa, in cui da un lato ci sono 19mila lavoratrici e lavoratori, un numero molto alto, e dall’altro convivono mansioni che richiedono competenze molto elevate con altre con minor contenuto professionale, soprattutto considerando che a parità di mansioni ci siano trattamenti diversi».

Ecco perché la Cgil di Varese, dopo aver varato «un coordinamento di tutte le categorie Cgil che operano a Malpensa», ha deciso di compiere il passo successivo, con l’apertura di una vera sede dentro l’aeroporto «per unire un’azione sindacale molto forte ad una presenza di assistenza e di tutela» che, secondo Umberto Colombo, potrà «aiutare» in particolare a stringere «un rapporto molto forte con le giovani generazioni» che in un aeroporto con numeri in crescita trovano sempre più spazio.

A convincere la Cgil a fare il grande passo è stata anche l’esperienza concreta di una delle ultime iniziative fatte sul territorio, quella per la carta dei diritti universali del lavoro.

«Il luogo dove abbiamo raccolto più firme è stata proprio Malpensa, non solo perché ci sono tanti lavoratori, ma anche perché si avvicinavano molti giovani a chiedere tutela – l’aneddoto del segretario varesino -: la lotta a tutto campo al precariato è una delle scommesse su cui ci vogliamo misurare».

Un decennio caldo visto dal sindacato

19 febbraio 2008: sciopero generale di Cgil-Cisl-Uil contro il ridimensionamento di Malpensa in seguito all’annuncio di Alitalia (allora in trattativa per la cessione ad AirFrance) di operare con il dehubbing

1 maggio 2014: festa del Primo Maggio di Cgil, Cisl e Uil a Malpensa, nel pieno della crisi post-dehubbing ancora non superata e della delicata vicenda Sea Handling. «Non possiamo permetterci di perdere nemmeno un posto di lavoro», dichiara il segretario generale della Cgil Lombardia Nino Baseotto

2015-2017: a partire dal corteo con 300 lavoratori al Terminal 1 del 5 novembre 2015, la Cgil è in prima linea nella battaglia contro le cooperative di handling a Malpensa e Linate, denunciando il sistema dei «subappalti senza regole» e il conseguente dumping sociale che si viene a creare

novembre 2018: Airport Handling annuncia che stabilizzerà, procedendo ad assunzione diretta, 250 lavoratori interinali. Il caso era stato denunciato nei giorni precedenti dal senatore del Movimento Cinque Stelle Gianluigi Paragone, ma i sindacati confederali ricordano che stavano seguendo da tempo la partita delle stabilizzazioni

1 marzo 2019: il segretario generale della Cgil Maurizio Landini arriva a Malpensa per inaugurare la nuova Camera del Lavoro. «Invochiamo una contrattazione inclusiva senza lavoratori di serie A e di serie B e diciamo no alla competizione al ribasso», annuncia il segretario generale della Cgil di Varese Umberto Colombo.