L’Alha del Cargo:il primo operatore firma un contratto con Cathay Pacific

Cresce la Cargo city di Malpensa (+10,9 per cento di merci in più rispetto allo scorso anno nei primi nove mesi del 2017). E cresce il suo maggiore player, Alha, una realtà che movimenta oltre 350mila tonnellate all’anno in 40mila metri quadrati di capannoni dentro cui lavorano oltre 500 persone tra lavoratori diretti e soci di cooperative. È dell’altro ieri infatti l’annuncio della stipula di un contratto pluriennale con Cathay Pacific Airways per la fornitura di servizi di rampa per aeromobili all-cargo a Malpensa. Al termine di un accurato processo di selezione, Alha si è aggiudicata l’assegnazione dei servizi di handling di rampa cargo per la prestigiosa compagnia di Hong Kong.

Si tratta di una nuova partnership che ha portato a nuove opportunità occupazionali in brughiera. «Crediamo che la qualità del servizio sia diretta espressione della qualità delle persone», spiega il Ceo di Alha Lorenzo Schettini Gherardini, svelando la creazione di un nuovo team dedicato ai soli servizi di rampa, costituito da 12 operatori altamente qualificati. Il processo di head hunting, che si è svolto parallelamente alla gara per l’assegnazione dei servizi, è stato accurato e selettivo, finalizzato all’acquisizione di figure professionali a elevata competenza e fondamentale per la costituzione di un nuovo gruppo di lavoro di eccellenza. La novità Cathay ha portato anche a nuovi investimenti strutturali alla Cargo city con l’allestimento di un parco mezzi all’altezza delle stringenti esigenze operative del vettore, che opera con tempi di turnaround molto stretti e vanta percentuali di riempimento molto elevate, in particolare per la merce in esportazione.