La Tre Valli più bella è una festa per tanti

La Prealpina - 03/10/2017

Ecco la Tre Valli Varesine numero 97. Una corsa con grandi firme, come da tempo non accadeva.

La Società Ciclistica Alfredo Binda ha fatto veramente le cose in grande: «Lo spostamento della nostra gara in questa collocazione del calendario internazionale dell’Unione ciclistica internazionale ci ha dato ragione – afferma il presidente Renzo Oldani – e quest’anno abbiamo moltissimi dei grandi protagonisti del panorama mondiale. Spero in un buon riscontro da parte degli sportivi: da parte nostra abbiamo davver fatto tutto il possibile per rendere questa giornata memorabile».

Confermata la diretta televisiva su Raitre e RaiSport, dalle ore 15.15 alle ore 17. Inoltre collegamenti nel TgSport, delle ore 13.30 e nel Tg3 Lombardia delle ore 14.

Questa mattina il ritrovo di partenza è previsto alle ore 9.30 in piazza Libertà a Saronno. Nella zona pedonale della città degli amaretti sfileranno le 25 formazioni in gara, quattro delle quali saranno guidate da ex professionisti della nostra zona: Alberto Volpi, Stefano Zanini, Marco Marzano e Cristiano Fumagalli.

Saranno 192 i partenti per il rito del foglio firma, previsto fino alle ore 11.45, poi ci sarà l’incolonnamento e un primo giro ad andatura turistica nel centro cittadino con il plotone preceduto dai giovani con la divisa delle Società Ciclistica Pedale Saronnese.

Comunque, per quanto riguarda il tracciato, è una Tre Valli fotocopia dello scorso anno: 192 chilometri tra Saronno e Varese, con il circuito finale nella “città giardino” da ripetere per nove volte e l’arrivo in via Sacco.

Solamente una sola volta nella sua storia la corsa delle Binda si è corsa in ottobre: era il 2 ottobre del 1955 quando venne disputata con la formula della cronometro individuale sulla distanza di 100 chilometri. Ed a vincere fu Fausto Coppi alla media di 39,992 chilometri orari. Alle sue spalle si piazzarono Aldo Moser, Minardi e Defilippis.

Oggi in gara ci saranno cinque vincitori di grandi giri: Fabio Aru (Vuelta 2015), Vincenzo Nibali (Giro d’Italia 2013 e 2016, Tour de France 2014, Vuelta 2010), Tom Dumoulin (Giro d’Italia 2017), Nairo Quintana (Giro d’Italia 2014, Vuelta 2016) e Damiano Cunego (Giro d’Italia 2004).

Occhi puntati proprio su Tom Dumoulin, iridato della cronometro individuale, al via con il numero 1, leader del Team Sunweb che schiererà anche Warren Barguil, Wilco Kelderman e Michael Matthews.

Sfogliando l’elenco dei partenti c’è solamente l’imbarazzo della scelta per decidere chi potrà essere protagonista: Vincenzo Nibali, Sonny Colbrelli (vincitore dell’ultima edizione della Tre Valli Varesine), Enrico Gasparotto, Giovanni Visconti, l’ex iridato Michal Kwiatkowski, Wout Poels, Diego Rosa, Gianni Moscon, Nairo Quintana e Winer Anacona, Michael Albasini, Rigoberto Uran, Davide Formolo, Davide Villella, Fabio Aru, Luis Leon Sanchez, Moreno Moser, Rafal Majka, Domenico Pozzovivo, Mathias Franke, Jan Bakelants, Diego Ulissi, Rui Costa, Kristijan Durasek, Valerio Conti, Jasper Stuyven, Edward Theuns, Thibaux Pinot, Anthony Roux, Stephen Cummings, Damiano Cunego, Marco Canola, Matteo Busato, Pavel Brutt, Danilo Celano e Giulio Ciccone.

Insomma, una Tre Valli Varesine da non perdere che nel dopo corsa, alla Camera di Commercio di Varese, vedrà alle ore 17.30 la presenza del ministro dello Sport, Luca Lotti, per partecipare al convegno “Lo sport come attrattore turistico”.

 

Arriva il ministro Lotti: prima il rugby, poi il palco

Partenza da Saronno e arrivo a Varese dopo 192,9 km. Se le prove della Gran Fondo – sabato e domenica – hanno attraversato la provincia dal capoluogo verso nord, oggi la Tre Valli riservata ai professinisti scatterà come l’anno scorso da sud per giungere sempre nella “città giardino”.

Prima parte in linea

Il tracciato, dopo la partenza fissata per le ore 12 da via I Maggio a Saronno, prevede una prima parte in linea di 77,7 km, con l’attraversamento di Gerenzano, Turate, Cislago, Mozate, Carbonate, Locarte Varesino, Tradate (SP 233, tra le ore 12.15 e le ore 12.18), Venegono Inferiore, Castiglione Olona, Vedano Olona – Lozza, Gazzada, Buguggiate, Varese (rotatoria Capolago, tra le ore 12.39 e le ore 12.45), Azzate, Galliate Lombardo, Bodio Lomnago, Cazzago Brabbia, Inarzo, Casale Litta, Varano Borghi, Ternate, Travedona, Brebbia, Besozzo (via XXV Aprile e innesto SS 629 tra le 13.08 e le 13.21), Cocquio Trevisago, Gemonio, Azzio, Orino, Castello Cabiaglio, e Brinzio.

Circuito cittadino

Una volta raggiunta Varese dalla Motta Rossa (fra le 13.32 e le 13.47), attraverso Rasa, Fogliaro, Sant’Ambrogio, viale Aguggiari, via Manin, Bolchini, Caracciolo, Sanvito, Campigli, XXV Aprile e Sanvito si giungerà per la prima volta in via Sacco (fra le 13.45 e le 14.02) per iniziare il circuito cittadino di 12,8 km da ripetere nove volte attraverso via Marcobi, piazza Monte Grappa, ancora via Marcobi, Veratti, Aguggiari, Montello, Marzorati, largo Unicef – via Crispi, Castoldi, Sanvito, Piemonte, Giordani, largo della Pesa, via Valle Luna, Mulino – Vigevano, Macchi, Dezza, piazza Bossi, via Daverio – rotonda Coop contromano, via Trentini, Ghiringhelli, piazza Libertà, via Sanvito e via Sacco, dove – al termine del nono giro – è previsto l’arrivo tra le ore 16.23 e le ore 17.04. Chiaramente, dalle ore 13 e sino alla conclusione della corsa resteranno chiuse al traffico tutte le strade del del circuito.

Asili, scuole e licei

Mentre asili nido e scuole dell’infanzia saranno quasi tutti aperti (ma per alcuni sarà consentita l’uscita solo dopo le 14.30), resteranno chiuse solo le scuole primarie e secondarie coinvolte dal passaggio diretto della corsa. Chiuse invece tutte le scuole superiori.

Ministro e Governatore

All’arrivo della Tre Valli, per premiare i migliori, oltre al presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni (che consegnerà il brllante del Trittico Regione Lombardia), ci sarà anche Luca Lotti. Prima, però, il ministro dello Sport parteciperà all’inaugurazione dei lavori di riqualificazione del campo da rugby di via Salvore a Giubiano, prevista alle ore 15: saranno presenti anche il sindaco Davide Galimberti e l’ex stella azzurra Diego Dominguez.