«La tassa di soggiorno è un’utile opportunità»

La Prealpina - 04/09/2017

Si anima il dibattito sulla proposta – avanzata da Confesercenti Varese – di introdurre anche in città la tassa di soggiorno. Se da un lato il sindaco Davide Galimberti si è dichiarato disponibile al dialogo, sul fronte opposto Federalberghi Varese e l’Associazione provinciale dei Bed&Breackfast hanno alzato un muro.

Ma Rosita De Fino, direttrice di Confesercenti, non ci sta. «Questa non è una proposta inopportuna e fuori luogo – afferma – come ci è stato detto dalle due associazioni . Al contrario è una opportunità che anche gli albergatori non dovrebbero lasciarsi sfuggire. IO rimango perplessa di fronte a queste posizioni contrarie a priori, soprattutto in una situazione come quella che sta vivendo la nostra città. Diciamo che bisogna investire sul turismo e poi escludiamo delle possibili strade».

La tassa, da far pagare ai turisti, prevede che gli introiti siano poi investiti dall’amministrazione comunale a sostegno del settore. «S i contributi della Camera di Commercio, assolutamente importanti, siano sufficienti – continua De Fino – allora perchè poi ci si lamenta sempre della nostra città, della sua poca vitalità e delle occasioni ancora da incrementare per far aumentare le presenze sul territorio? Forse sarebbe tempo di smettere di parlare male della nostra città e di lavorare insieme per valorizzarla». Nel lavoro comune rientra anche la tassa di soggiorno. «Io dico sediamoci intorno a un tavolo lasciando da parte le polemiche», continua Rosita De Fino « e mettiamoci a ragionare insieme su come spendere al meglio i soldi che si potrebbero incassare. È chiaro che se questo denaro dovesse essere speso per rifare marciapiedi o asfaltare strade diremmo anche noi di no. Ma la nostra idea è di stilare progetti concreti che possano portare benefici alla città e a quanti lavorano per il turismo, in primis gli albergatori».

Non resta che vedere che cosa accadrà da lunedì in poi, quando riprenderanno tutte le attività a pieno ritmo, politica compresa. Se il sindaco Galimberti convocherà un tavolo di confronto, forse si arriverà a una proposta che metta d’accordo tutte le parti in gioco. « Siamo propositivi – conclude De Fino – IO attendo questo incontro per capire meglio come giocare questa partita».