La solidarietà diventa concreta grazie alla Bcc e alle imprese

La Provincia Varese - 23/12/2016

Il territorio, fra banca e imprese, si unisce per fare del bene, in una declinazione concreta del concetto di etica solidale. Sono infatti ben 34 le realtà commerciali varesine che hanno risposto all’appello della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate mettendo in pratica i valori della mutualità, della condivisione e del sostegno al territorio per aiutare i bambini malati di leucemia, attraverso un contributo che la Bcc ha consegnato a Giovanni Verga, presidente del Comitato Maria Letizia Verga, fondazione che riunisce genitori, amici e operatori sanitari con l’obiettivo di offrire ai bambini malati di leucemia. «È il quarto anno che proponiamo questa iniziativa nell’ottica di condividere i nostri valori fondanti con la città di Varese e creare un’occasione di solidarietà», ha detto Roberto Scazzosi, presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate intervenuto con il vicepresidente vicario Ignazio Parrinello e il direttore generale della banca Luca Barni alla serata di scambio degli auguri solidali con la città di Varese. «Siamo una banca locale che sulle relazioni con il territorio fonda la sua diversità. Occasioni come queste servono per riaffermare il nostro ruolo e per dimostrare concretamente quanto sia importante oggi agire insieme per poter crescere». Sempre più spesso le imprese offrono il loro aiuto al loro territorio di riferimento: con donazioni, sponsorizzazioni di eventi locali, attraverso donazioni, finanziando ristrutturazioni o progetti sociali. E sono davvero tante le imprese varesine che concretamente mettono in pratica quel concetto di etica sociale che dimostra il legame con le persone e il loro territorio. Erano quasi 400 le persone che sono passate dalla filiale della Bcc di via Veratti: tra loro anche il sindaco di Varese Davide Galimberti e una rappresentanza dello sport varesino dal Basket Varese al Varese calcio, dal rugby al canottaggio per arrivare fino ai Mastini dell’hockey. Lo schema proposto è quello collaudato: durante la serata, come da tradizione, le attività commerciali di Varese hanno messo a disposizione i loro prodotti che sono stati distribuiti ai partecipanti alla festa. E la Bcc ha trasformato questi regali in un contributo per i bambini leucemici dimostrando che la solidarietà ha più valore se è condivisa. Così, se l’obiettivo è il territorio, le sue famiglie, le sue imprese e le sue realtà, accanto alla Bcc sono scese 34 realtà del territorio: Dino Ceccuzzi, Armeria Meschieri, profumeria Proserpio, C.C.C. Sporchia, La Provincia di Varese, Bar Galpa, Romito Paolo, Cellini fiori, Corvi fiorista, libreria Pietro Macchione, Trend, pastificio Mammagiò, bar pasticceria Buosi, Base Blu, FIgini, Via Broggi, Stefanel, frutta e verdura Roberto Minazzi, Harte, pasticceria Lamperti, albergo ristorante Mariuccia, Laguna Blu New Way, Panino Giusto, Bar Dorigo’s, lavanderia Pico Dante, Colombo e Marzoli panetteria, A.C. Legnano, studio dentistico Radice Antonio, studio veterinario Pozzi Stefano, Lauro Milani fiorista, hotel ristorante Bologna, Luvi’s, Max&Co Varese, Gualco Marisa