La Regione al fiancodi Tre Valli e Trittico

La Prealpina - 18/07/2017

La Regione Lombardia è ancora al fianco del Trittico. È stata infatti approvata la delibera per erogare alla Società Ciclistica Alfredo Binda, capofila del progetto, la somma di 75.000 euro: «Anche quest’anno, in accordo con il presidente Roberto Maroni, sosteniamo lo svolgimento del Trittico Regione Lombardia», ha detto Antonio Rossi, assessore allo Sport e Politiche per i giovani, annunciando l’atteso contributo destinato al sodalizio di Sant’Ambrigio che poi destinerà parte della cifra allo Sport Club Mobili Lissone e all’Unione Sportiva Legnanese che organizzano Coppa Agostoni e Coppa Bernocchi. La serie delle tre corse lombarde era divenuta negli anni Settanta l’ideale rifinitura per i corridori che sarebbero stati impegnati nel Mondiale, ma ora i tempi sono cambiati e il Trittico non si svolge più su tre giornate consecutive, poiché il club guidato da Renzo Oldani da qualche anno ha scelto di spostare la Tre Valli più avanti nel calendario, a più stretto contatto con Milano-Torino e Giro di Lombardia. Sarà così anche quest’anno: la Coppa Agostoni, che verrà presentata giovedì, aprirà la serie delle tre gare il 13 settembre a Lissone e sarà seguita dalla Coppa Bernocchi in programma giovedì 14 settembre a Legnano.

Queste due gare avranno valenza premondiale, in quanto si disputeranno a soli dieci giorni dalla corsa iridata di domenica 24 settembre. Per la Tre Valli, invece, bisognerà attendere martedì 3 ottobre, in quella che da Saronno a Varese potrebbe essere una sorta di rivincita mondiale o quanto meno di avvicinamento al Giro di Lombardia di sabato 7 ottobre.

A Varese si terrà la premiazione finale del Trittico con l’incoronazione del corridore che nelle tre competizioni avrà totalizzato il maggior punteggio. «Si tratta di un grande evento sportivo in tre puntate – ha concluso l’assessore Rossi – e Regione Lombardia, sempre in prima fila negli eventi di caratura internazionale, non ha voluto far mancare il suo concreto apporto per garantire lo svolgimento di queste storiche corse ciclistiche».