La mia impresa, il mio futuro: costruire una startup per scoprire come funziona un’azienda

Un’app per gestire flotte di bici e monopattini, un orto in città per un’alimentazione sostenibile, un biocarburante prodotto dalla miscela di CO2 e idrogeno. Sono tra i migliori progetti di startup selezionati nell’ambito di “La mia impresa, il mio futuro“, il programma sviluppato da Fondazione Sodalitas con l’impresa associata BPER Banca e organizzato con Camera di Commercio VareseUfficio Scolastico Territoriale Varese e idea.lab, il Laboratorio Territoriale per l’Occupabilità della provincia di Varese.

Giunto alla seconda edizione, il progetto ha coinvolto oltre 2mila studenti e studentesse di 15 scuole superiori del territorio di Varese, che hanno messo a punto 420 progetti di startup grazie alla partecipazione a 82 seminari. L’iniziativa prevedeva un seminario base “Startup, creiamo insieme un’impresa” della durata di 15 ore e un seminario avanzato “Sostenibilità e Business plan” di altre 15 ore.

I seminari che hanno coinvolto gli studenti e le studentesse delle scuole partecipanti sono stati realizzati dai manager volontari di Fondazione Sodalitas in collaborazione con i professionisti di BPER Banca, da tempo impegnata a generare un impatto positivo sul territorio e sulla comunità, e con il coinvolgimento diretto dei docenti.

I migliori progetti di startup sono stati premiati oggi durante un evento al centro congressi Ville Ponti di Varese con riconoscimento attribuito da una giuria composta da: Camera di Commercio Varese, Confcooperative, Elmec, Eolo, Federmanager Varese, Fondazione Sodalitas, BPER Banca, Novellocase, SMC Automation.

«Recenti studi hanno evidenziato quanto le startup rappresentino un driver fondamentale per la crescita dell’occupazione nel nostro Paese. Oltre il 60% delle persone occupate nel 2022, infatti, è stato assunto da aziende ‘giovani’ – ha dichiarato Alberto Pirelli, presidente di Fondazione Sodalitas –. Con ‘La mia impresa, il mio futuro’ ci proponiamo di contribuire a questo trend positivo per favorire sempre più il dialogo tra il mondo della scuola e quello del lavoro. In questo tempo di grandi cambiamenti, siamo convinti che creare partnership tra questi due mondi sia la strada da percorrere per costruire percorsi adeguati per i nostri giovani».

Da parte sua, il presidente di Camera di Commercio Varese, Mauro Vitiello, aggiunge: «tutti i numeri evidenziano un fenomeno preoccupante quale la crescita del mismatch che rende il mondo dell’istruzione e del lavoro simili a due rette spesso parallele: oggi la difficoltà di reperimento del personale lamentato dalle aziende è al 46%; in pratica, quasi un’assunzione su due è ormai considerata “complicata” dai datori.

Nel 2019, prima del Covid, era al 25%, cioè un quarto. Dati tanto più preoccupanti se letti in abbinata al penultimo posto nell’Ue per giovani 30-34enni in possesso di una laurea e all’8-10% di talenti con titolo accademico che vanno all’estero per lavorare. Ecco perché come Camera di Commercio abbiamo posto il tema delle giovani generazione tra gli elementi centrali della nostra programmazione per il prossimo quinquennio. Ed ecco perché sono tanto più meritorie iniziative come questa della Fondazione Sodalitas che, nel contribuire a fermentare il tessuto imprenditoriale del nostro territorio, offre opportunità concrete di valorizzare le competenze e l’entusiasmo delle giovani generazioni».