La difesa dell’ambiente corre sulle rotaie Ferrovie Nord Milano e Regione si uniscono

La Provincia Varese - 27/10/2016

Spostarsi usando i mezzi pubblici e i mezzi ecologici, lasciando in garage l’automobile tradizionale, diventa strategico. Il gruppo Ferrovie Nord Milano, da operatore regionale del trasporto su ferro, si candida sempre più a diventare un polo in grado di gestire la mobilità – su scala integrata, innovativa e sostenibile – in Lombardia e nel nord Italia, in linea con quanto già accade in altri Paesi europei. E’ questo l’obiettivo principale del piano strategico 2016-2020 del gruppo FNM, approvato dal consiglio d’amministrazione della società, presentato in conferenza stampa dal presidente di FNM SpA Andrea Gibelli e dal presidente della regione Lombardia Roberto Maroni. «L’obiettivo del gruppo FNM per il prossimo futuro – spiega il presidente Gibelli – è quello di costruire una sinergia tra tutte le modalità di trasporto – dalla bicicletta, al treno, alla gomma fino all’aereo – perché una regione come la Lombardia che voglia essere leader in Europa deve avere un servizio di mobilità assolutamente integrato. Vogliamo dare la possibilità ad ogni persona di scegliere la modalità di trasporto che più si adatta alle sue esigenze. L’unico nostro nemico è l’auto privata. La Lombardia ha un potenziale straordinario, rappresentato dal fatto che l’80% della popolazione vive all’interno di un raggio di cinque chilometri da una stazione. La mobilità elettrica, le due ruote e la capacità di raggiungere le stazioni aprono un altissimo potenziale». Tutto ciò verrebbe fatto rilanciando il settore della mobilità sostenibile in Lombardia, anche attraverso lo sviluppo dei servizi E-Vai, per realizzare modalità innovative per il collegamento dell’ultimo miglio (casa-lavoro) sviluppando piattaforme di infomobilità. Nonché avviando un programma di investimenti in una flotta di auto elettriche di ultima generazione, finalizzato ad un nuovo modello di car sharing e car pooling ecosostenibile. Strategici sono reputati gli investimenti in materiale rotabile, a partire dalla realizzazione del programma di rinnovo della flotta di treni di Trenord. Tra gli obiettivi vi è anche quello di sviluppare progetti di logistica e trasporto merci su ferro nel nord-ovest, contribuendo allo sviluppo dell’intermodalità fra i porti della Liguria e i mercati finali sia in Italia che nel centro Europa, anche attraverso la gestione di servizi ferroviari navetta tra porti e “retroporti” della pianura Padana, e quindi, alla ulteriore crescita del sistema economico lombardo. Per facilitare gli utenti, si focalizzerà l’attività di NordCom, in partnership con Tim, come provider di soluzioni Ict nel settore transportation, anche investendo in soluzioni innovative. Con lo sviluppo delle aree di business previsto nel piano 2016 – 2020, il gruppo si propone di ottenere un significativo incremento di redditività, da 50 milioni di euro conseguiti nel 2015 a 100 milioni di euro al termine del relativo periodo di durata. Le linee guida delineate nel piano saranno sviluppate in specifici piani industriali per area di business.