La Basilica della Natività rivive in Sala Campiotti

La Prealpina - 30/03/2017

La basilica della Natività di Betlemme e i suoi duemila anni di storia sono a Varese. Ieri in Sala Campiotti è stata presentata “Restaurare il Cielo”, la mostra dedicata al cantiere che dal 2013 sta operando nella città palestinese per ridare splendore alla chiesa del terzo secolo dopo Cristo (foto Blitz). Secondo la tradizione, la basilica sorge proprio sopra la grotta dove nacque Gesù e la sua costruzione fu decisa nel 330 dall’imperatore Costantino I. I restauri finora si sono concentrati sui mosaici delle pareti, risalenti alla metà del dodicesimo secolo, sulla sistemazione del tetto e sul recupero degli intonaci, delle superfici in pietra e dei portoni in legno, oltre che del nartece d’ingresso, cioè la parte della basilica paleocristiana riservata ai catecumeni e ai penitenti. I lavori futuri daranno nuova luce ai mosaici pavimentali e alle colonne dipinte. L’esposizione è stata realizzata per la trentasettesima edizione del Meeting di Rimini da Mariella Carlotti, professoressa di lettere a Firenze, e Gianmarco Piacenti, il presidente dell’azienda italiana che ha vinto il bando internazionale per i lavori di restauro. I pannelli non raccontano solo delle opere che sono state fatte ma anche il grande messaggio di pace che questo restauro, per cui cooperano tra loro musulmani, cattolici, ortodossi, ebrei e palestinesi, manda al mondo.