Italia-Cina, le merci ora viaggiano in treno

La Prealpina - 06/06/2017

mortara «Si inizia con un treno ma dal 2018 potremmo avere tre o quattro treni merci diretti alla settimana verso la Cina: è un risultato straordinario». Lo ha detto il vicepresidente di Regione Lombardia e assessore alla Casa, Fabrizio Sala all’interporto di Mortara per l’inaugurazione del primo treno merci diretto tra l’Italia e la Cina.

Il treno merci da Mortara, spiega una nota, sarà diretto al polo logistico “Hi-tech Park” di Chengdu, capoluogo della provincia cinese del Sichuan con 15 milioni di abitanti e principale centro di scambio del Paese. Il progetto nasce da una collaborazione tra il Polo logistico intermodale di Mortara e Changjiu Logistics.

«Questo – ha commentato Sala – è un accordo estremamente importante in particolare per alcuni settori: moda, arredamento, design, alimentare e automotive. E’ un accordo che va verso l’intensificazione dei rapporti tra il nostro territorio e la Repubblica Popolare Cinese, che è una delle strategie perseguite dalla nostra Regione».

L’accordo è stato firmato ieri mattina dal presidente del polo, Andrea Astolfi, e dal partner cinese Shijiu Bo, presidente dello Changjiu Gruop, società con oltre 20 miliardi di fatturato quotata alla borsa di Shanghai, già leader nel trasporto di auto tra Europa e Cina (lavora per Audi, Jaguar e Land Rover).

Il primo viaggio, 10.800 chilometri, con partenza da Chengdu e smistamento a Varsavia, da percorrere in 17-19 giorni, è previsto per settembre. Si inizierà con una coppia di treni settimanale, con la prospettiva di arrivare a tre nel 2018, aggiungendo altre due linee per collegare anche Shanghai e Pechino.

«Rispetto al trasporto via nave – ha detto il vicepresidente del gruppo cinese, Gang Chen –