Insubria Cup da applausi Otto i varesini sul podio

Impeccabile sul piano organizzativo. E soddisfacente a livello tecnico, con otto atleti del Varesotto sul podio. È andata in archivio con successo la quinta edizione dell’Insubria Cup, la manifestazione internazionale di taekwondo ospitata per il terzo anno consecutivo al PalaYamamay di Busto Arsizio. Nelle giornate di sabato e domenica, hanno dato spettacolo 1.300 atleti provenienti da dieci nazioni europee; 243 le società rappresentate. L’evento – organizzato dalla Fita (Federazione italiana Taekwondo), in collaborazione col Combat Team di Busto Garolfo e col patrocinio del Comune di Busto Arsizio – si conferma dunque come uno dei più importanti del panorama nazionale in questa disciplina. «Siamo molto soddisfatti – commenta Stefano Ferrario, presidente del comitato lombardo Fita -. Il livello delle gare è stato alto, e dal punto di vista organizzativo è andato tutto alla perfezione. Anche il pubblico ha risposto bene: dal PalaYamamay sono passate non meno di 2.500 persone». Oltre a un buon numero di appassionati e addetti ai lavori, sono arrivati a Busto parecchi ospiti di prestigio, a cominciare dal ministro dell’Istruzione Marco Bussetti (sabato) e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti (foto grande), che domenica ha seguito la gara con interesse. Sono intervenuti anche il sindaco di Busto Emanuele Antonelli, l’assessore allo Sport Gigi Farioli, il consigliere regionale Emanuele Monti e il parlamentare Leonardo Tarantino. La Fita era rappresentata del presidente Angelo Cito. Tanti gli ingredienti dell’exploit dell’Insubria Cup: qualità degli atleti e degli arbitri (undici erano internazionali), adeguatezza dell’impianto, sinergia tra organizzazione e amministrazione comunale, comodità logistica per chi arriva dall’estero. Non sorprende dunque che, come fa sapere Ferrario, la Fita si sia già detta disponibile a organizzare a Busto anche la sesta edizione.

Come detto, è degno di nota anche il medagliere dei portacolori del nostro territorio: Letizia Boioli (nel riquadro) del New Fight Busto Arsizio vince l’oro nei Cadetti A, -37 kg. Tre bronzi per il Taekwondo Gallarate, grazie a Diego Labate (-80 kg senior, cinture nere), Marco D’Albora (-80 kg senior, cinture rosse) e Alice Ronchetti (-49 chilogrammi senior, cinture verdi/blu). Doppio bronzo anche per il Club Europa Gallarate: lo firmano Asia Di Maio e Alessia Albu.
Si fa onore pure il Centro Sportivo Solbiatese, con la doppietta delle gemelle Lea e Giada Marella (rispettivamente argento e bronzo nei cadetti A).

Francesco Inguscio