Iniziata la corsa agli sconti Ma servono delle regole

La Prealpina - 22/11/2018

Da domani via libera al “Black Friday” anche in città. Come vuole l’usanza importata dagli Usa, fino a domenica nei negozi di tutti i generi merceologici, si potranno fare affari, con sconti fino al 50% e oltre. E se gli esercenti più tradizionalisti, come Flavio Lattuada, titolare di un bar alle Corti, sono convinti che «bisognerebbe boicottare tutti gli americanismi, difendendo a spada tratta la nostra cultura», la maggior parte dei negozianti varesini anche quest’anno ha deciso di aderire all’iniziativa, fedele al motto “più sconti, più vendi”.

«Il Black Friday aveva ottenuto una tiepida accoglienza in città – spiega Sara Calzoni, titolare di un negozio d’abbigliamento in Galleria Manzoni e responsabile Fismo, (Federazione italiana settore moda) -, ma ora sono i clienti stessi che ci chiamano per avere conferma degli sconti di fine novembre. Si sta registrando una maggiore coesione tra i commercianti stessi, concordi nel gratificare le aspettative dei cittadini. Non tutti, però, si comportano nello stesso modo. Alcuni hanno già iniziato il Black Friday da qualche giorno, trasformandolo in Black Week, mentre i più lo protraggono da oggi fino a domenica, adottando la più diffusa formula del Black Weekend. Su Internet, poi, il Black Friday imperversa da più di una settimana. In questo modo si snatura il senso dell’iniziativa». All’interno dei negozi, in molti casi gli sconti sono già iniziati, in sordina, da qualche giorno, ma solo in poche vetrine finora sono comparse le immagini promozionali del Black Friday. Tuttavia messaggi promozionali ad hoc continuano a bombardare i cellulari già da un po’: soprattutto i negozi aziendali e le catene monomarca fanno uso della pubblicità rivolta ai fidelizzati. «Il Black Friday è ormai entrato nella mentalità degli italiani – afferma Veronica Bellini, commessa in uno dei negozi aziendali delle Corti – e tutti se lo aspettano e lo cercano. Noi, come tanti altri, siamo passati direttamente dagli sconti della Mid – Season al Black Friday, senza interruzione. La verità è che si avvicinano, per le aziende, i bilanci di fine anno e più fatturato fanno meglio è». La mancanza di regolamentazione del Black Friday è un nodo da sciogliere per Christian Spada, presidente Confesercenti Varese e provincia. «Sarebbe opportuno fissare delle regole, condivise da tutti i commercianti – sostiene -, magari stabilendo un solo giorno per il Black Friday. Vero è che tutta la materia degli sconti andrebbe seriamente rivista, dal momento che, fra saldi estivi e invernali, i negozianti hanno a disposizione 120 giorni di ribassi e questo è assurdo, perché aumentano i fatturati, ma diminuiscono i margini di guadagno. Se poi si aggiungono altre iniziative promozionali, come il Black Friday e gli sconti di mezza stagione o altro, un negoziante potrebbe lavorare tutto l’anno perennemente di ribassi. E questo, nonostante le apparenze dell’immediato, non giova all’attività commerciale».