Induno Olona Via ai lavori del parco urbano Spunterà sull’Arcisate-Stabio

La Prealpina - 11/01/2019

Prenderanno il via a inizio febbraio i lavori per la realizzazione del parco urbano sulla copertura dell’Arcisate-Stabio. Il cantiere è in corso di aggiudicazione. La realizzazione delle aree a verde comporterà una spesa di circa 125.000 euro.

Si deve sistemare un’area di 5.000 metri quadrati in una zona centrale, all’ingresso del centro paese e vicina alla stazione. Gli amministratori comunali, che hanno ottenuto da Rete Ferroviaria Italiana la copertura della trincea dei binari, intendono questa realizzazione come una piazza civica al centro del paese, tra il nucleo storico con la parrocchiale di San Giovanni Battista ed i rioni cresciuti attorno a quella di San Paolo, nella parte sud dell’abitato. Dice il sindaco Marco Cavallin: «S’intende creare un luogo di aggregazione e della memoria di Induno, per farne la porta di un paese oggi collegato con il treno all’Europa. Si sarebbe potuto fare una spianata di cemento per centinaia di auto, ma avremmo ottenuto un parcheggio di periferia, con il rischio di generare situazioni di degrado ed insicurezza. Tuttavia, si aggiungeranno 35 posti auto agli esistenti».

Sono confluite nel progetto, redatto dall’architetto Antonello Sado di Torino, idee scaturite da un concorso che era stato promosso dall’amministrazione e che ha permesso di raccogliere numerose ed interessanti proposte dei cittadini.

L’assessore all’Urbanistica, Maurizio Colombo, descrive l’intervento: «Sarà creato un museo all’aperto dedicato alla memoria collettiva indunese, che richiamerà anche il giardino della vecchia stazione demolita e saranno valorizzate le ville Liberty e le visuali verso la collina di San Bernardino ed il monte Monarco. Nel parco convergeranno i percorsi ciclabili e pedonali che attraverseranno il paese, dalla Pezza a San Cassano. L’area verde sarà delimitata lungo via Crugnola da un filare di carpini piramidali, alberi che raggiungono un’altezza di dieci metri, che lo proteggeranno dal traffico, mentre dalla parte opposta, su via Crespi, ci sarà una siepe di tuia occidentale, un’essenza sempreverde». Colombo aggiunge: «Saranno realizzate una fontana a portale, con l’acqua che creerà un effetto sipario, ed un campo per il gioco delle bocce che ricorda quello un tempo esistente in via Piffaretti, opere per le quali il sindaco ha ottenuto contributi dalle aziende Carlsberg e Lindt. Per nascondere i cavedi di aerazione presenti sulla copertura della ferrovia, saranno posati attorno agli stessi pannelli sui quali collocare immagini che richiamano la storia di Induno». Sul lato verso la stazione verrà realizzato il parco giochi inclusivo, nel quale potranno divertirsi anche bambini con disabilità. Per questo intervento, il cui costo complessivo è di circa 100mila euro, il Comune ha ottenuto contributi da Regione e Fondazione Comunitaria del Varesotto.