In Sardegna tre Camere di commercio

Altra Testata - 25/05/2017

Tre camere di commercio di Sardegna, una al centro, una al Nord e una al Sud. È l’appello lanciato dal sindaco di Sassari ai parlamentari sardi e al presidente della Regione Francesco Pigliaru. Sanna si schiera così con il collega di Nuoro, Andrea Soddu, e con le istituzioni del territorio nella battaglia per il mantenimento della Camera di commercio barbaricina. «È evidente che siamo un’isola caratterizzata da una scarsa popolazione e un territorio vasto», insiste il primo cittadino sassarese. Per la Sardegna è necessaria una deroga che consenta alle Camere di commercio di Nuoro e di Oristano di stare assieme, così da creare una Camera di commercio del centro Sardegna. Questa suddivisione in tre aree avrebbe una corrispondenza diretta nei tre collegi elettorali per la rappresentanza parlamentare.

«È una battaglia significativa per la specificità del nostro territorio e per l’autonomia della nostra isola. Con l’unione di Nuoro e Oristano si deve considerare che il processo di riduzione le porterà ad avere un numero congruo di aziende. La Sardegna potrebbe essere disposta a una riduzione a tre Camere di commercio ma non si può prescindere dalle specificità territoriali e dalla rappresentatività del tessuto economico, dice ancora Nicola Sanna. «Scriverò al ministro dello Sviluppo economico Calenda al quale invierò una nota che sottoporrò all’attenzione dei sindaci di Nuoro, Oristano e Cagliari per essere sottoscritta anche da loro», conclude il primo cittadino sassarese.