In Forcora si scia. Riaprono gli impianti

Scatta il conto alla rovescia: sabato mattina riapriranno gli impianti delle sciovie in Forcora. Le autorizzazioni necessarie per il ripristino delle attività di sport invernali, sono arrivate in questi giorni alla società Funivie del Lago Maggiore che si è aggiudicata il bando di gara indetto lo scorso 30 novembre. Fa un certo effetto vedere dopo molto tempo sulla pagina Facebook “Forcora Ski – Funivie del Lago Maggiore” fotografie di vecchie giornate all’insegna dello sci negli anni 2000, quando sopra i monti della Veddasca si facevano tornei ai quali partecipavano anche amministratori e politici di tutta la provincia di Varese. Bruno Rossi, il gestore degli impianti, dopo la notizia dell’aggiudicazione della gara indetta a Maccagno aveva detto che si trattava di una decina di giorni o poco più, ed in effetti così sarà. La conoscenza della parte legale e tecnica da parte di questo operatore è assicurata anche dal fatto che, lo stesso, è stato proprietario dell’impianto delle Funivie del Lago Maggiore di Laveno dal 1964 al 2005, per poi diventare dal 2005 solo gestore. Ma le novità per la Veddasca non sono finite: in questi giorni stanno terminando le rifiniture per l’apertura anche del ristorante della Forcora che dovrebbe avvenire il 2 febbraio, gestito da Simona Riva Berni, persona conosciuta e stimata nel territorio luinese. Naturalmente è soddisfatto il sindaco di Maccagno con Pino e Veddasca, Fabio Passera, che da subito ha creduto nella possibilità di rilanciare il territorio montano “assorbito” nella fusione proprio del Comune di Veddasca. Un rilancio che lo mette in una posizione unica nella provincia di Varese, in grado di avere una porzione di Comune da sfruttare d’estate, con il lago Maggiore a farla da padrone, ed un’altra d’inverno, con la Forcora, unico impianto sciistico della provincia.