Impronta Vibram sul design di montagna

La Prealpina - 21/01/2017

C’è lo zampino dell’azienda albizzatese dell’ottagono giallo, leader mondiale nella progettazione, produzione e commercializzazione di suole in gomma, dietro il “Milano Montagna Vibram Factory”, il primo contest di design che promuove l’innovazione tecnologica legata al mondo dello sport e della montagna rivolto a giovani designer, progettisti e studenti accomunati dalla passione per la montagna e le discipline all’aperto. Definito «un incubatore di idee e di creatività» dagli organizzatori della rassegna – Vibram (un marchio che va fiero di oltre 700 dipendenti in giro per il mondo, ndr) in testa -, quest’anno il “Milano Montagna Vibram Factory” raddoppia.

Una parte del concorso sarà dedicata come sempre al design delle attrezzature da montagna per la persona; la seconda parte del concorso sarà rivolta invece al design delle attrezzature per l’allenamento allo sport da inserire in luoghi pubblici. Questa sezione sarà quindi dedicata alla comunità urbana che vede nella città un luogo di benessere e di attività sportiva. In altre parole, il contest, fortemente voluto da Vibram – il cui fatturato lo scorso anno superava i 170 milioni di euro (grazie a un export che viaggiava ormai attorno all’80 per cento) -, è inserito a pieno titolo nell’ambito di “Milano Montagna”, il festival della montagna realizzato da Palazzo Marino e in programma dal 6 all’8 ottobre, e consentirà a giovani talenti creativi di dare libero sfogo al proprio estro e al proprio modo di intendere il design presentando al grande pubblico e alle aziende interessate prototipi e progetti riguardanti attrezzature e tecnologie per la montagna (sci, sicurezza, scarponi, abbigliamento, orientamento, software, bike, trail, alpinismo).

Tutte le informazioni per accedere al contest e gli appuntamenti della manifestazione sono consultabili sul sito di “Milano Montagna”. Entusiasta dell’iniziativa l’assessore alle Politiche per il lavoro, commercio, moda e design Cristina Tajani: «L’appuntamento, dopo il successo di pubblico fatto segnare l’anno scorso, si rinnova e amplia la sua proposta diventando non solo un vero e proprio punto di riferimento per tutti coloro che amano la montagna, ma anche la vetrina migliore per tanti giovani designer che vogliono applicare la loro creatività al mondo degli sport outdoor».