Imprese attive, passo avanti in Lombardia

La Prealpina - 01/08/2017

DATI UNIONCAMERE
MILANO -(l.t.) Buone notizie sul fronte demografia
delle imprese lombarde. Stando al report
targato Unioncamere Lombardia, nel secondo
trimestre del 2017 le cancellazioni
(-8,1%) sono diminuite di più delle iscrizioni
(-4,5%), consentendo così un miglioramento
del saldo e una lieve variazione positiva dello
stock di imprese attive su base annua
(+0,1%), seppur in rallentamento rispetto ai
ritmi di crescita del 2016. Sono proseguiti i
trend strutturali che vedono l’espansione delle
società di capitali e delle attività dei servizi a
scapito delle società di persone e delle attività
agricole e industriali; ancora in calo le costruzioni
e le imprese artigiane, ma con segnali di
miglioramento. La crescita è rimasta confinata
a Milano e Monza, mentre gli altri territori ha
registrato una diminuzione. Il numero delle imprese
in provincia di Varese è cresciuto sì (dello
0,3%) nel secondo trimestre rispetto al primo,
ma si è basato (sempre dello 0,3%) rispetto
all’aprile-giugno dello scorso anno. Dati aggiornati
alla mano, il Varesotto conta oltre 71
mila imprese, delle quali 62 mila attive. Ancora:
le iscrizioni dell’ultimo trimestre sono state
969 contro 663 cessazioni. A livello regionale,
invece, nel secondo trimestre del 2017 le imprese
che si sono iscritte alle anagrafi camerali
lombarde sono state 14.157, a fronte di
9.259 cancellazioni: il saldo risulta così positivo,
come succede normalmente nel secondo
trimestre, e leggermente superiore a quello
registrato lo scorso anno (+4.898 vs +4.756).
Lo stock di imprese registrate con sede in
Lombardia sale a 959.454 posizioni, di cui
817.274 risultano attive: un numero in lieve aumento
rispetto allo stesso trimestre dello scorso
anno (+0,1%). Prosegue il calo delle procedure
concorsuali, con variazioni negative
sia per i fallimenti (-15,1%) sia per i concordati
(-9,5%), e tornano a diminuire anche gli scioglimenti
e le liquidazioni (-4,8%).