Imprenditrici in rete: Confesercenti ha già vinto la scommessa

La Prealpina - 27/06/2017

Conoscersi, raccontare i propri progetti e scoprire nuove opportunità. Si è tenuto ieri il primo incontro organizzato dal Coordinamento imprenditoria femminile varesino di Confesercenti. Una ventina di imprenditrici si sono ritrovate al negozio di abbigliamento Too Sisters nella Galleria Manzoni. Un momento ideato per provare a fare rete.

«Il nostro scopo è quello di aiutare queste donne a trovare un loro posizionamento sia a livello sociale sia economico – ha dichiarato Laura Dongiovanni, coordinatrice dell’iniziativa -. Crediamo molto in questo progetto di partnership tra donne: gli uomini sono molto più razionali e quadrati mentre noi abbiamo più attenzione per le relazioni umane. Il punto è proprio questo: creare relazioni professionali attraverso rapporti umani. In questo modo si genereranno una rete e una collaborazione che può far emergere il lato migliore della donna imprenditrice».

La stessa Galleria Manzoni si sta ripopolando di attività grazie anche alla voglia di mettersi in gioco di donne come Sara, titolare del negozio che ha ospitato l’appuntamento di ieri. «Stiamo lavorando dal 2015 per far ritornare attività commerciali in Galleria» ha dichiarato Rosita De Fino, direttrice di Confesercenti Varese. È il caso della proposta di Regione Lombardia di azzerare per tre anni l’aliquota dell’imposta regionale sulle attività produttive, cioè l’Irap, per i piccoli esercizi commerciali che s’insedieranno nei centri storici dei Comuni con più di 50mila abitanti: «È uno strumento per invogliare anche chi esce da situazioni di disoccupazione e difficoltà lavorative a buttarsi nel mondo dell’imprenditoria – ha continuato De Fino-. Momenti come questo sono utili per attirare l’attenzione di altre imprenditrici e per capire se creando rete tra loro si può creare un buon mercato».

Per conoscersi infatti sono stati predisposti degli identikit in cui raccontarsi brevemente: «È un modo semplice per conoscersi e raccontare alle altre i propri talenti, desideri –ha spiegato Dongiovanni-. Scambiandoceli cercheremo di aiutarci».

Un altro momento fisso di questi appuntamenti sarà quello dedicato ai potenziali bandi da sfruttare.