Immigrati: 78mila in provincia

La Prealpina - 02/03/2017

«I numeri certificano che l’immigrazione di massa è un problema da risolvere. La Lombardia ospita 1 milione 314mila immigrati, tra cui circa 96mila irregolari. Se tra i lombardi il tasso di disoccupazione si attesta intorno all’8 per cento, tra gli immigrati residenti in Lombardia ben 18.1 su 100 risultano inattivi, un dato che tocca la punta del 28.1 per cento tra la popolazione femminile. Il nostro territorio non può permettersi di accogliere altri immigrati, soprattutto i cosiddetti migranti economici». Lo ha rimarcato ieri l’assessore regionale alla Sicurezza, protezione civile e immigrazione, Simona Bordonali, a margine della presentazione del Rapporto Orim “L’immigrazione in Lombardia – 2016” presentato nella Sala Biagi di Palazzo Lombardia.

«In Lombardia – ha aggiunto Bordonali – i residenti stranieri rappresentano il 13,1 per cento della popolazione, contro l’8,3 nazionale, e in alcune aree questa percentuale raggiunge picchi più elevati, come il 21,5 della città di Milano o il 14,9 della provincia di Brescia. In piena crisi occupazionale non possiamo permetterci di aprire le porte a chi si reca sul nostro territorio per motivi di carattere economico». Nel periodo che va dal luglio 2015 allo stresso mese 2016 la componente regolare si è ridotta di 8.000 unità, ma a fronte di 50.000 acquisizioni di cittadinanza. La variazione totale comprensiva delle acquisizioni di cittadinanza in Lombardia vede dunque un aumento di 43.600 unità, inteso come differenza tra gli ingressi nella popolazione e le vere e proprie uscite dal territorio lombardo. Sono inoltre 1.000 in più dell’anno precedente i soggetti irregolari rispetto al soggiorno. Questi ultimi, che già nel biennio precedente erano complessivamente aumentati di 8-9.000 unità, registrano un ulteriore modesto rialzo che li porta ad attestarsi a poco meno di 97.000; un valore che ripropone il dato del 2012.

In provincia di Varese risultano presenti 78.500 immigrati pari all’ 8,8 per cento della popolazione residente. Sono circa 1.800 in più rispetto all’anno precedente (5.300 hanno ottenuto la cittadinanza nel corso dei 12 mesi). Gli immigrati provenienti dall’Est Europa sono 33.400, 14.900 dall’Asia, 19.800 dall’Africa e 10.400 dall’America Latina. Il numero di immigrati irregolari è di 4.800 su un totale di 96.600 presenti in Lombardia.

Nel quadro delle Aziende di tutela della salute, la più alta densità di presenza è detenuta dalla Città metropolitana (162,2 stranieri per mille residenti), seguita a breve distanza dalla Ats di Brescia (153,6).

Nel 2016 sono sbarcate in Italia 181.436 persone, a fronte di 123.600 richieste d’asilo. Tra le 91.102 domande analizzate, lo status di rifugiato è stato concesso solo a 4.808 richiedenti (il 5 per cento); altre forme di protezione sono state concesse a 31.852 persone (35 per cento), mentre non hanno ricevuto alcun riconoscimento altri 51.170 richiedenti (56 per cento) a cui vanno aggiunti anche 3.084 irreperibili (4 per cento) che hanno fatto richiesta d’asilo e poi sono spariti nel nulla.