Il tessile innovativo riparte con slancio da Busto

Un incontro inedito e innovativo, probabilmente destinato a cambiare le modalità di rapporto tra le aziende del territorio. È quello che si è svolto ieri nella sede di Hub 1922, dove da qualche mese ha trovato sede la multinazionale tedesca Rudolf, azienda leader della chimica per il tessile fondata della famiglia Schumann nel 1922.

Ospiti il Consiglio del Gruppo merceologico Tessile e Abbigliamento dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese, rappresentato da una dozzina di realtà, e il Centro Tessile Cotoniero, che hanno risposto con interesse all’invito dell’Hub a un incontro conoscitivo, ma orientato anche a valutare possibili future sinergie e collaborazioni a beneficio delle aziende ma anche del sistema economico del territorio. Un’occasione preziosa di cui si è fatta promotrice l’assessore al Commercio, Industria e Artigianato Manuela Maffioli, (nella foto) che già aveva avuto parte attiva nella fase di insediamento di Rudolf e che ha raccolto le istanze di entrambe le parti «cercando di svolgere fino in fondo uno dei pochi ruoli che la legislazione concede agli Enti locali in materia di industria e artigianato, quello di facilitatore» ha sottolineato. Come ha spiegato Alberto De Conti, ai vertici della divisione fashion del gruppo Rudolf, Busto è stata scelta per vari motivi: innanzitutto per la sua storia e la sua tradizione tessile, che la rendono custode di un know how unico, ma anche per l’accessibilità, vista la vicinanza con l’hub di Malpensa, per la prossimità con Milano, capitale della moda che attrae creativi e designer, per la facilità con cui può essere raggiunta dai marchi di abbigliamento italiani e svizzeri. Nel gruppo di imprenditori anche Grazia Cerini, direttore generale di Centro Tessile Cotoniero. Il Presidente del Gruppo merceologico Tessile e Abbigliamento di Univa, Piero Sandroni, ha commentato: «Dobbiamo andare avanti a fare tessile perché è la nostra storia. Sappiamo fare innovazione, ma serve nuovo modo di comunicare e presentarsi. In questo Rudolf Hub 1922 è un esempio».