Il settore dell’aerospazio si prepara al suo futuro: “Mai come oggi fondi per la ricerca nel settore”

Varesenews - 06/07/2022

Il Lombardia space cluster e il settore aerospaziale sono a un passo da un momento straordinario.


Ad annunciarlo è l’assessore regionale alla ricerca e innovazione Fabrizio Sala: «Questo è un momento particolare: mai come oggi ci stiamo preparando a ricevere cosi tanti fondi – ha spiegato Sala – Si tratta di un miliardo e tre milioni di euro in arrivo dallo Stato per la regione con i fondi del PNRR per la ricerca, che decideranno le azioni e gli studi dei prossimi 10-15 anni. Abbiamo campo libero per investire in un settore che per la Lombardia è strategico».

La frase arriva all’inizio di un incontro organizzato alle ville Ponti in occasione del decennale di attività del CTNA,Cluster Tecnologico Nazionale Aerospazio: si tratta della tappa lombarda di un tour tra i distretti tecnologici regionali che lo compongono, per ripercorrere la storia dell’aerospazio italiano dalle origini ad oggi.

 

Un tour che ha organizzato la tappa lombarda nel luogo che è fulcro della storia di questo settore: «Siamo in posto bellissimo e al centro dell’aerospazio della Lombardia, e quindi anche dell’Italia – ha spiegato Cristina Leone, presidente del CtNA, che mette in rete le aziende italiane del settore – Uno degli obiettivi di questo nostro viaggio nei distretti è quello di rendere pubblico il lavoro di questo settore. E qui in Lombardia ci sono le aziende che hanno fatto la storia del settore».

I cluster dell aerospazio si incontrano a ville Ponti
Protagonista della tappa lombarda il Lombardia Aerospace Cluster presieduto da Angelo Vallerani: «Il nostro cluster ha superato il numero di 100 soci: 93, più quattro università, tre centri di ricerca e una associazione di industriali, l’Unione degli Industriali della provincia di Varese – ha ricordato Vallerani – Questo incontro racconta dieci anni di cammino sul territorio, e ribadisce anche quanto è importante per le nostre aziende un legame stretto con università e istituti tecnici per la ricerca. Lo spazio sta vivendo un periodo di grande fulgore, con tanta consapevolezza e tanti investimenti: va però sottolineato che per l’aeronautica non si può dire lo stesso. Ci vuole una strategia per guardare al futuro anche in questo campo».