Il Salone è da record E ora trasferta in Cina

L’edizione 2019 del Salone del mobile? Un successo ampiamente annunciato. Nei padiglioni di FieraMilano a Rho come in città con il FuoriSalone, è stata una “Design Week” davvero da record. E mentre a Milano non si trovava un posto letto neanche negli hotel a cinque stelle (per altro, molti milanesi sono riusciti ad affittare monolocali anche a 500 euro al giorno, ndr), in Fiera sono state registrate 386.236 presenze, in sei giorni, provenienti da 181 Paesi.

Numeri questi che segnano un incremento del +12% rispetto all’edizione 2017, che proponeva anche in quel caso le biennali Euroluce e Workplace3.0.

Oltre 2.400 gli espositori, di cui il 34% esteri, da 43 Paesi, suddivisi tra Salone internazionale del mobile, Salone internazionale del complemento d’arredo, Euroluce, Workplace3.0 e S.Project; di questi 550 sono stati i designer partecipanti al SaloneSatellite. Atm ha calcolato che nella settimana del “Salone” c’è stato un aumento di passeggeri di oltre 400 mila unità.

Ma a Milano, nei vari distretti del “FuoriSalone”, le presenze dovrebbe aver raggiunto quota mezzo milione (250 mila solo in zona Brera).

«Chiudiamo questa edizione del Salone del Mobile con un bilancio molto positivo -ha commentato il presidente del Salone del mobile Claudio Luti -. Abbiamo investito sulla qualità e abbiamo dimostrato ancora una volta la nostra voglia di fare sempre meglio, lavorando a stretto contatto con designer, artigiani, operatori della comunicazione e della cultura per continuare a produrre innovazione di prodotto e di processo e a raccontare storie che aumentano il valore dell’oggetto di design».

Il “Salone del mobile” si è confermato un appuntamento unico nel suo genere, in grado di coinvolgere professionisti e pubblico in quello che ormai è un evento a 360 gradi, profondamente legato a Milano e alle sue istituzioni e, allo stesso tempo, proiettato in una realtà internazionale.

Dal 20 al 22 di novembre il Salone del mobile si sposterà a Shanghai, per la quarta edizione della kermesse in Cina. Lo Shanghai Exhibition Center sarà il grande palcoscenico del “made in Italy” dell’arredamento e del design, dove un centinaio di aziende italiane saranno invitate a esporre i propri prodotti e i nuovi progetti.

In attesa della prossima edizione, quella del 2020, che si terrà dal 21 al 26 aprile, due cose da segnalare. La prima è che alcune opere del “FuoriSalone” sono ancora visibili in città: tra queste “The Circul Garden”, un’installazione diffusa nell’Orto Botanico di Brera realizzata col micelio di un fungo (è ancora aperta fino al 19 aprile); e la seconda è che è aperta la caccia agli affari. Come ogni anno, quasi tutti i prodotti che sono stati esposti nei vari eventi del “Salone del mobile” sono in vendita con uno sconto speciale.