Il presidente della Camera di commercio di Nuoro ha chiesto un incontro al ministro Calenda sul Piano di razionalizzazione del sistema camerale.

Altra Testata - 14/06/2017

Il Piano di razionalizzazione del sistema camerale proposto da Unioncamere e trasmesso in questi giorni al ministero dello Sviluppo economico è finalizzato a ricondurre il numero complessivo delle Camere di Commercio entro il limite di n. 60.

Tale proposta prevede l’imposizione dell’accorpamento alle Camere di Commercio di Nuoro e Sassari, nonostante entrambe abbiano manifestato la volontà di conservare la loro autonomia e ricorrano tutte le condizioni per l’applicazione alla C.C.I.A.A. di Nuoro della deroga prevista dall’art. 10, comma 1, lett. b, della L. n. 124/2015 (ovvero la possibilità di mantenere […] le camere di commercio nei territori montani delle regioni insulari privi di adeguate infrastrutture e collegamenti pubblici stradali e ferroviari, nei soli casi di comprovata rispondenza a criteri di efficienza e di equilibrio economico).

La concessione dell’autonomia, negata a Nuoro, è invece proposta dall’Unioncamere per C.C.I.A.A. di Sondrio, per la quale si prevede di applicare un’analoga possibilità di deroga. Questo, nonostante le condizioni di rispondenza a criteri di efficienza e di equilibrio economico della C.C.I.A.A. di Nuoro, siano migliori rispetto a quelle dell’Ente camerale di Sondrio.

In merito al suddetto Piano, nella giornata di ieri, il presidente di questa Camera di commercio, Agostino Cicalò, ha inviato una comunicazione al ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, chiedendo un incontro urgente per illustrare la posizione della nostra CCIAA e per poter individuare possibili interventi per la salvaguardia dell’autonomia della Camera di Commercio I.A.A. di Nuoro al servizio dell’economia del territorio di riferimento.

Sempre nella giornata di ieri, il presidente Cicalò ha trasmesso anche una comunicazione al presidente della Regione Sardegna, Francesco Pigliaru, chiedendo un incontro urgente per illustrare la posizione delle CCIAA di Nuoro e Sassari, in vista della convocazione della Conferenza Stato Regioni, nella quale la Regione Sardegna sarà chiamata a pronunciarsi in merito alla proposta del Piano di razionalizzazione del sistema camerale.