«Il governo salva il “carrozzone” di Alitalia? Ci dia allora i soldi anche per Pedemontana»

Se il governo continua ad erogare fondi per salvare i “carrozzoni” di Stato, la parte più produttiva del Paese non ci sta. Ed è su questo punto che la battaglia per il Nord rinasce, quando le scelte del governo centrale vanno nella direzione opposta rispetto alla valorizzazione delle realtà più virtuose. Lo sa bene Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord, che punta il dito contro la creazione di un nuovo fondo straordinario per Alitalia. «Per salvare il carrozzone romano di Alitalia – attacca Grimoldi – che perde 400milioni l’anno, più,di un milione al giorno, il Governo si inventa un fondo da 200 milioni per garantire le banche che investiranno nell’ennesimo salvataggio di Alitalia in caso di perdite. Questo intervento del governo sarebbe un precedente da applicare, a questo punto, anche ad altre operazioni dove sarà necessario coinvolgere i privati e le banche». E quindi il deputato sottolinea come ci sarebbe bisogno di finanziamenti anche per opere infrastrutturali, che hanno un’importanza molto elevata per il territorio lombardo. Di qui la richiesta che l’esecutivo si faccia carico di sostenere economicamente anche l’ultimazione dei lavori di Pedemontana, per arrivare ad avere l’importante collegamento con due dei principali aeroporti dellaregione. «Chiediamo ufficialmente al ministro Calenda e al ministro Delrio, in accordo con il ministro Padoan – sostiene l’esponente del Carroccio – di varare un analogo fondo a garanzia delle banche che investiranno per garantire le risorse per il completamento della seconda tratta dell’autostrada Pedemontana, che collegherà gli aeroporti lombardi di Malpensa e Orio, il cui traffico è in continua crescita. Se il governo vuole salvare la compagnia di bandiera deve investire anche sugli aeroporti e sui loro collegamenti, partendo appunto dalla Lombardia e dai suoi scali, quelli dove c’è complessivamente il maggior traffico». Insomma, il parlamentare va dritto al punto, sottolineando quelle che sono le contraddizioni dei provvedimenti come questo. Finanziamenti che vanno a sostenere realtà in difficoltà, senza che sia studiato un modo per rilanciare lo sviluppo economico del Paese. «Il Governo vari un fondo di garanzia per i privati e le banche che investiranno nel completamento dell’autostrada Pedemontana – è la richiesta ufficiale di Grimoldi – dopo aver salvato il carrozzone romano di Alitalia ora si pensi anche alla Lombardia, i cui cittadini e le cui imprese regalano ogni anno 56 miliardi di tasse a fondo perduto, come residuo fiscale, nella casse statal