Il dono dei sindacati: la macchina salva-cuore

La Prealpina - 22/12/2016

Un macchinario salvavita in azienda: un dono speciale di Natale, che va oltre i limiti imposti dalla legge, portato dalle Rappresentanze sindacali alla Iamet, la ditta di minuterie metalliche di precisione di via Cascina dei Ferrandi. I membri delle Rsu Ernesto Manfredi della Fim-Cisl, Roberto Bani della Uilm e Simone Scarpa della Fiom-Cgil, anticipando quanto previsto dalle normative italiane relative all’installazione in luoghi pubblici e privati, «fa omaggio ai lavoratori di un Dae (defibrillatore automatico esterno) alla propria azienda Iamet per interventi di urgenza sia interni all’azienda sia, in caso di necessità mediante l’intervento di personale appositamente formato all’utilizzo dell’apparecchiatura, alla comunità vicina all’insediamento industriale», si legge nella nota.

La postazione del macchinario sarà quindi inserita nel Progetto Pad (Pubblico accesso alla defibrillazione) «al fine di rendere la popolazione in grado di fronteggiare tempestivamente le conseguenze di un arresto cardiaco improvviso. La nuova azienda che oggi conta 185 lavoratori dopo l’acquisizione avvenuta nell’aprile 2016 della Siac International, continua la sua marcia alla ricerca di nuovi progetti, attività, mercati, clienti e consolida quanto la vecchia azienda con capacità tecnologiche e imprenditoriali aveva raccolto sino a diventare una delle più importanti aziende di produzione di minuterie metalliche a livello nazionale ed europeo».