Il Comune riduce la tassa rifiuti

La Provincia Varese - 08/03/2017

«È un bilancio serio, lo sottolineo venti volte, nel quale abbiamo mantenuto i servizi senza aumentare le tasse». Così, con qualche frecciatina al bilancio approvato dalla passata amministrazione, il sindaco Davide Galimberti ha presentato le linee guida del bilancio di previsione per il 2017. «Purtroppo l’ultimo bilancio includeva una serie di entrate che non si sono verificate (come il canone non ricognitorio) – spiega il sindaco – Questo bilancio si regge in piedi evitando costi inutili, come i due autisti che erano al servizio del sindaco e che abbiamo tolto risparmiando qualche centinaia di migliaia di euro». Verranno ridotte alcune voci di spesa, per esempio «le spese legali saranno dimezzate facendo ricorso non a legali esterni ma all’avvocatura di Palazzo». Poi, attraverso quattro nuovi assistenti sociali, si verificherà che le famiglie che godono di particolari servizi ne abbiano davvero i diritti. «Abbiamo già scovato casi in cui vi è stato un abuso» ha detto Galimberti. L’assessore ai servizi sociali Roberto Molinari aggiunge: «fino a qualche tempo fa per i minori non accompagnati il Comune spendeva dagli 80 ai 120 euro al giorno. Da qualche mese, invece, abbiamo pubblicato un bando di accompagnamento per l’affido in famiglia che riconosce solo 45 euro a minore (quello che dà lo stato), cosa che sul bilancio del 2017 produrrà un risparmio di almeno 100 mila euro». Novità ci sono anche per le aziende: «La Tari per le utenze non domestiche sarà ridotta dal 2.20 al 3 per cento» dice Galimberti, precisando che «non è vero che ci sono stati aumenti per le attività economiche. Noi in sette mesi abbiamo portato a casa più di 25 milioni di euro di bandi tra scuola, commercio e ambiente. Siamo consapevoli che la situazione non è rosea, ma con una seria politica di riduzione delle spese e un efficientamento della macchina comunale si può fare molto». La Tari rimarrà invariata per le utenze domestiche, ma sarà introdotta una «tariffa puntuale» sulla raccolta dei rifiuti, misurata sull’effettiva produzione qualiquantitativa dei rifiuti urbani. I ristoranti che daranno in beneficienza il cibo in esubero avranno diritto a sconti fino al 20 per cento, come previsto dalla legge Gadda contro lo spreco alimentare. «Voglio rassicurare tutti: di tagli non ce ne sono – precisa Galimberti – È vero, c’è stata una ricalibrazione del Cosap (contributo occupazione suolo pubblico) – con aumenti che si stiamano essere del 35 per cento, come si evince dal passaggio del moltiplicatore da 1,1 a 1,5, ndr – ma che abbiamo compensato con l’abolizione del ticket del parcheggio in pausa pranzo e con l’organizzazione di eventi». E ancora: «La riduzione della Tari dimostra che ci muoviamo in un orizzonte medio lungo rispetto alle politiche dell’ambiente e dei rifiuti». Alla redazione del bilancio di previsione ha lavorato l’assessore Cristina Buzzetti, che sottolinea che «il comune non ricorrerà neppure in minima parte all’alienazione di partecipazioni».