Il commercio può rinascere

La Prealpina - 04/12/2018

Manca poco al primo Gran Galà del Commercio, in calendario domenica 9 dicembre alle 20.30 al teatro Condominio. Un evento voluto dal presidente di Ascom Gallarate-Malpensa Renato Chiodi, e dal direttivo, nasce con un obiettivo preciso: «Mostrare che l’Ascom non è solo una realtà che si occupa di supporto e di pratiche burocratiche, ma che vuole creare una nuova cultura di impresa e avere una visione nuova». Una serata in cui a farla da protagonista non saranno le fatture e i bilanci, ma le risate, il divertimento e le strette di mano.

Lavoro di squadra

Quindi conoscersi per lavorare insieme può essere la strada giusta per far rinascere il commercio nelle città? Per la consigliera di Ascom, e negoziante, Milena Betto (nella foto) la risposta non può che essere affermativa. «È una delle operazioni che abbiamo deciso di intraprendere, è una proposta nuova – sottolinea – è parte del nuovo inizio che stiamo mettendo in campo. Siamo pronti ripartire con una marcia in più». E in questo ultimo periodo, all’interno di Ascom c’è una parola che riecheggia e che, ogni volta, diventa sempre più centrale nel definire la strategia non solo del 2019 ma quella dei prossimi anni: rete. «Più siamo uniti e più riusciamo a raggiungere traguardi importanti – continua Betto – fare rete è fondamentale, non solo tra le varie Ascom ma, in primo luogo, tra le 23 realtà che compongono Ascom Gallarate-Malpensa e nelle singole città». Prima di lavorare però, bisogna conoscersi e farsi conoscere e quale occasione migliore se non una serata pensata «non per parlare problemi e ansie da scadenza ma scambiarsi idee e proposte, per intavolare relazioni e dare il via a collaborazioni». La consigliera di Ascom vede negli eventi, il motore per far rinascere il commercio, soprattutto nei centri storici.

Programmazione

«L’evento fine a se stesso non serve a molto, occorre ideare un calendario di iniziative e di appuntamenti che invoglino i cittadini a passeggiare per le vie del centro». E dopo un’estate «con eventi azzeccati», ora, con la cerimonia di accensione dell’albero di Natale, «è iniziato il ricchissimo calendario di eventi di qualità», ideato dall’assessore al Commercio Claudia Mazzetti, dal Duc insieme al Naga e da Ascom. Per questo diventa importante la programmazione, una fase in cui le sinergie e la voglia di mettersi in gioco diventano il fulcro dell’agire. «Come in un coro ci sono tante voci e strumenti che danno vita a una sinfonia così è nel mondo del commercio – evidenzia la consigliera – a Gallarate, ad esempio, ci sono molteplici attività, ognuna con la sua caratteristica, senza contare gli altri interlocutori che permettono la buona riuscita di una manifestazione».

Unicità

Il presidente della Camera di Commercio di Varese Fabio Lunghi ha definito il negoziante di vicinato «un eroe». Un pensiero condiviso anche da Betto «oggi fare il commerciante è più difficile, bisogna avere una visione globale del contesto in cui si è inseriti e rispondere bene ai bisogni del mercato». Fronteggiare l’e-commerce e la grande distribuzione è possibile, soprattutto se si punta su un elemento: l’unicità. «Il negoziante può offrire una consulenza, servizi personalizzati e cura del cliente – conclude Milena Betto – tutti elementi che non bisogna mai perdere di vista».