Il cioccolato Irca vola negli Usa

La Prealpina - 12/06/2017

Il fondo Usa Carlyle, guidato in Italia da Marco De Benedetti, compra la Irca di Gallarate, storica società (fu fondata nel 1919) produttrice di ingredienti e semilavorati dedicati alla pasticceria, panificazione e alla gelateria, attivo a livello europeo.

The Carlyle Group acquisirà in particolare tramite il fondo Carlyle Europe Partners IV una quota dell’80% da Ardian e il 20% dalla famiglia Nobili fondatrice, che continuerà a gestire la società.

Nata nel 1919, Irca è attiva nei mercati della pasticceria e della gelateria artigianali, con una presenza tra Francia, Germania, Spagna ed Europa dell’Est, e una distribuzione in circa 70 Paesi. Impiega circa 300 persone e ha tre stabilimenti di produzione in Lombardia e un altro in fase di completamento. Nel 2016 ha registrato un fatturato di 251 milioni, per il 25% all’estero, con un margine operativo lordo di 40 milioni.

«Irca è un ottimo esempio di azienda italiana con un posizionamento distintivo e una portata globale, grazie all’elevata qualità e varietà dell’offerta di prodotti, competenze in Ricerca&Sviluppo, capacità gestionale e significativo potenziale di crescita – afferma il managing director e co-head Carlyle Europe Partners advisory team De Benedetti -. Negli ultimi anni la società ha ottenuto notevoli risultati e Carlyle è lieta di assistere il management, accelerando il piano di sviluppo internazionale della società».

Roberto Nobili, membro della quarta generazione, resterà amministratore delegato di Irca. «Sono convinto che Carlyle sia il partner giusto per Irca per continuare il processo di crescita avviato con successo con Ardian. Non vedo l’ora di iniziare questa nuova sfida con loro».

L’azienda varesina, insomma, funziona ed è capace di stare così bene sul mercato da attrarre investimenti stranieri. Già con l’ingresso del fondo Ardian aveva rappresentato un caso di eccellenza in provincia sul fronte del private equity: niente crisi, ma semplicemente occasione di investimento e di guadagno in una attività in crescita ed espansione. Ora questa nuova operazione che, sulla carta, dovrebbe portare ad un ulteriore sviluppo aziendale, soprattutto sui mercati esteri.