Il Cabrolet chiude con il tutto esaurito E l’autunno riporterà lo street food

La Provincia Varese - 01/08/2017

La pioggia non ha fermato lo show di Alberto Patrucco che domenica sera ha chiuso la prima edizione del Cabrolet. Ed ora è tempo di fare un bilancio che, per Claudia Maria Mazzetti, presidente del Distretto urbano del commercio e assessore alle Attività economiche. «È sicuramente positivo – dichiara – la risposta del pubblico è stata ottima, persino superiore alle aspettative».

Quattro serate pensate per un pubblico eterogeneo con tre comici ed un evento dedicato alla magia che hanno divertito ed entusiasmato i gallaratesi. La prova, dopo il tutto esaurito dei precedenti appuntamenti, sono state le sedie predisposte nel cortile del Palazzo Broletto completamente occupate, nonostante la pioggia.«Questo ci ha leggermente penalizzati – sottolinea l’esponente della giunta Cassani – ma nessuno dei presenti se ne è andato quando a metà dell’esibizione ha ripreso a gocciolare: lo spettacolo è continuato con la gente che si è adattata spostandosi sotto il porticato». Un risultato ottenuto anche grazie alla collaborazione dell’associazione Amici del Caffè Teatro che si è occupata della direzione artistica. Una scommessa vinta che, per l’assessore con la delega al commercio rappresenta «uno stimolo a proseguire su questa strada, anche osando».

Per questo, forte delle oltre 20 mile presenze registrate lo scorso novembre, la presidentessa del Duc conferma la seconda edizione dello street food da venerdì 29 settembre a domenica 1 ottobre. «La location – precisa Mazzetti – sarà ancora piazza Garibaldi (non ci sarà più l’accesso da via Verdi ma da via San Francesco) in modo da aumentare i posti a sedere». Un’edizione che vedrà scendere in campo gli stessi organizzatori dello scorso anno ma co qualche novità in più, soprattutto per i commercianti gallaratesi. Non solo qualche spazio in più per gli stand ma anche nuove opportunità. «A tutti -conferma l’assessore Mazzetti – verrà offerta la possibilità di allestire davanti alle proprie attività truck o bancarelle, in modo da “allargare” i confini dello street food».

Un’occasione per creare sinergia sul territorio e, da parte sua l’amministrazione promette di «agevolare in tutti i modi il rilascio delle necessarie autorizzazioni e garantiremo a livello di comunicazione il massimo della visibilità». Buone notizie insomma per i negozianti. «Nei tre giorni della manifestazione – conclude Mazzetti – stiamo pianificando alcune iniziative in grado di portare clienti a tutti i negozi del centro, non solo a bar, vinerie, ristoranti e gastronomie». •