Il Borducan cerca dei fuoriclasse

La Provincia Varese - 02/11/2017

Lo storico albergo-bar-ristorante liberty Al Borducan di via Beata Moriggi cerca personale di sala. Ma attenzione, i selezionatori saranno molto rigidi. Senza troppi giri di parole spiegano che ottenere il posto «non sarà per nulla facile», per cui: «se stai cercando un lavoretto temporaneo o qualcosa da fare aspettando tempi migliori, o se cerchi un impiego con poche responsabilità e senza prospettive gira alla larga da questo annuncio, vai pure a fare un concorso statale, ti auguro buona fortuna». Il locale dal mese di giugno è gestito dai fratelli Santinon, Riccardo (ex assessore ai lavori pubblici del Comune di Varese per Forza Italia) e Maurizio. «Il locale sta andando molto bene, questo è il motivo per cui cerchiamo personale su cui investire – spiega Riccardo – Cerchiamo persone che sappiano il fatto loro e che siano un minimo indipendenti. Anche perché, in futuro, l’idea è quella di riuscire a tenere sempre aperto così da non ricevere più critiche per le nostre saltuarie chiusure. Trovando le persone giuste si riesce a fare un lavoro importante anche per Varese, città che ha una vocazione turistica». La ricerca si rivolge dunque a «un fuoriclasse» che «desidera far parte di un team che ha piani ambiziosi» e «che ama mettersi in gioco e prendersi ogni giorno le sue responsabilità senza lamentarsi», che sia pronto a «impegnarsi e collaborare con il team di lavoro standoci gomito a gomito otto e più ore al giorno». I requisiti minimi sono «conoscere almeno due lingue straniere tra cui l’inSACRO MONTE Lo storico albergo-bar-ristorante ha aperto le selezioni per implementare il personale Il Borducan cerca dei fuoriclasse glese in modo fluente», «avere esperienza nel settore alberghiero o nella ristorazione, non per forza 50 anni di esperienza»; «aver vissuto almeno 6 mesi in un Paese diverso dall’Italia, lavorandoci e non facendo il backpacker». Per candidarsi bisogna compilare un questionario online che presenta anche delle domande molto dirette. Per esempio: «Il lavoro che ti sto proponendo consiste nell’avere a che fare con le persone, a tutte le ore del giorno, anche quando potresti essere arrabbiato con il mondo per qualsiasi motivo. E a volte è una gran scocciatura, te lo garantisco. Però noi al Borducan abbiamo sempre e comunque il sorriso e facciamo il meglio per i nostri clienti. Sei pronto a fare lo stesso?». Non ultimo, l’annuncio specifica che «qualsiasi tentativo di contattare i titolari in privato, tramite Facebook o altri canali, comporterà l’esclusione immediata come candidato per il posto di lavoro. Non ci sono scorciatoie e raccomandazioni che tengano». Infine: «In bocca al lupo, se avrai miei notizie vuol dire che hai superato le prime fasi di selezione». L’annuncio è stato pubblicato sulla pagina Facebook del locale dove ha collezionato alcune critiche, soprattutto per il riferimento ai lavoratori statali. «Non abbiamo ancora ricevuto candidature, ma forse perché non abbiamo ancora pubblicizzato abbastanza l’annuncio – conclude Riccardo Santinon – Oggi probabilmente la norma non è conoscere due lingue straniere, ma noi le abbiamo inserite come requisito perché cerchiamo persone preparate, per farle crescere»