Il Baff va in “corto” E debutta su Rai Cinema

La Provincia Varese - 15/12/2016

Il Baff va in “corto” in collaborazione con Rai Cinema Channel: è partita la caccia ai cortometraggi originali. Al via ufficialmente dal primo gennaio il nuovo concorso di cortometraggi “Baff Short Cuts 2017”, che vedrà come presidente della giuria la popolarissima attrice Veronica Pivetti. «I “corti” sono dei piccoli film, degli embrioni di film. È un’esperienza che va trattata con il rispetto che si ha per il cinema» aveva dichiarato la Pivetti alla presentazione del Baff 2017 alla Festa del cinema di Roma all’Auditorium Parco della Musica. Si tratta probabilmente della novità più succosa dell’edizione numero 15 del festival cinematografico di Busto Arsizio, in programma dal 18 al 25 marzo dell’anno che verrà: il concorso “Baff Short Cuts 2017”, frutto di una prestigiosa collaborazione con Rai Cinema Channel, il canale web di Rai Cinema che sta diventando sempre più un punto di riferimento per il crescente segmento dei “web movies”. Dopo gli anni degli esordi, con il concorso di sceneggiatura che accompagnò le prime edizioni, il B.A. Film Festival torna a premiare la creatività degli artisti, stavolta con il concorso di cortometraggi, una formula che sta sempre più spopolando soprattutto tra i giovani, nell’epoca degli “Youtubers”. Ora è partita ufficialmente la “caccia” ai cortometraggi originali da segnalare a Rai Cinema Channel, che ha creduto in questa iniziativa: un’occasione straordinaria anche per i giovani che vogliono proporsi in questo settore. Il concorso partirà ufficialmente il 1° gennaio 2017 – nel senso che a partire da quella data sarà possibile recapitare il proprio video su Dvd all’Icma di villa Calcaterra – mentre il termine ultimo per iscriversi è il 20 febbraio 2017, ma occorre fin da subito industriarsi per realizzare un “corto”. Al concorso verranno infatti ammesse opere di finzione e di animazione, della durata massima di venti minuti, realizzate nel 2016, in lingua italiana. Le opere potranno essere girate con qualsiasi supporto tecnico, non dovranno contenere loghi commerciali nè avere carattere pubblicitario, così come non dovranno essere derivate da o contenere altre opere letterarie, musicali o filmiche coperte da diritti d’autore non preventivamente autorizzate dalla Siae. La direzione artistica del BA Film Festival selezionerà i più meritevoli tra i cortometraggi pervenuti e li segnalerà a Rai Cinema Channel, che decreterà il vincitore di un premio del valore di 1000 euro in acquisto diritti del corto “più web”. La giuria del concorso, presieduta dall’attrice Veronica Pivetti e composta dagli studenti dell’Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni, coordinati dai docenti, assegnerà invece il premio Miglior cortometraggio “Baff Short Cuts 2017”, che sarà consegnato nel corso del festival, nel mese di marzo. Insignita, durante la presentazione del Baff al festival del cinema di Roma in ottobre, di un premio speciale per la sua “poliedrica attività cinematografica e televisiva”, Veronica Pivetti aveva dichiarato: «Tutti siamo partiti con i cortometraggi, che non hanno mercato ma fanno misurare con un set, una troupe: sono dunque strumento utile, a cui si dovrebbe dare più importanza. Magari, ad esempio, proiettandoli al cinema prima dei film». Insomma, sotto a chi tocca