I sindaci nella Capitale«Tavolo Pedemontana»

La Prealpina - 26/05/2016

Il ministero delle Infrastrutture detta la linea su Pedemontana per risolvere i problemi locali: si deve creare un tavolo coordinato dalla Provincia con tutti i Comuni coinvolti, Cal (Concessioni autostradali lombarde) e Regione Lombardia per discutere la realizzazione delle opere di compensazione e di mitigazione ambientale previste e ancora da realizzare. Ma al tavolo mancherebbe l’attore principale: Autostrada Pedemontana Lombarda, società che ha la concessione (affidata da Cal) dell’infrastruttura, che deve siglare le convenzioni ed erogare i fondi. E che non risulta essere stata coinvolta.

Questo l’esito, in realtà già annunciato, dell’incontro tra la delegazione della Provincia di Varese, composta da Paolo Bertocchi (consigliere e capogruppo di maggioranza), Giuseppe Licata (sindaco di Lozza) e Martina Cao (ufficio di presidenza), e lo staff del ministro delle Infrastrutture Graziano Delriocomposto da Maurizio Battini (capo segreteria tecnica) e Mauro Coletta(direttore generale della vigilanza sulle concessioni autostradali). Licata si è fatto portavoce dei sindaci stilando un memorandum consegnato al ministero che in realtà già ben conosce le situazioni locali. Al termine della mattina, ha commentato: «Sono soddisfatto dell’incontro. La nostra iniziativa non ha alcun fine politico, ma è stata condotta solo ed esclusivamente per tutelare i nostri cittadini e per garantire loro la miglior convivenza possibile con un’opera così impattante sul territorio, finché tutti gli interventi promessi rimarranno sulla carta e il pedaggio sarà in vigore». Al ministero è stato presentato il documento elaborato dai sindaci della provincia di Varese relativo alle problematiche ancora aperte di Pedemontana. La delegazione della provincia ha illustrato le opere ancora mancanti, che ammontano a 11 milioni di euro, e ha evidenziato come il tema del pedaggio debba essere affrontato con urgenza.

«È stato un incontro molto positivo – ha dichiarato Bertocchi – ancora una volta il Ministero si è dimostrato attento e disponibile ad aiutare i Comuni del nostro territorio, pur non avendo diretta competenza sull’opera. L’obiettivo del tavolo, che organizzeremo come Provincia, sarà quello di avere rapide risposte da Cal e Regione Lombardia perché i cittadini delle comunità coinvolte hanno diritto a vedere realizzate le opere promesse poiché hanno già subito pesanti disagi per il cantiere e l’introduzione di un assurdo pedaggio. Si tratta sicuramente di un passaggio importante nella vicenda Pedemontana: Provincia di Varese continuerà la sua azione a fianco dei Comuni». Passaggi da realizzare velocemente: i Comuni hanno infatti tutto l’interesse a realizzare i lavori nel più breve tempo possibile poiché il futuro di Pedemontana è incerto. Al momento i cantieri per la realizzazione dell’autostrada sono fermi e si stanno iniziando a realizzare i primi carotaggi nella zona di Seveso per valutare il livello di diossina.