Hupac cresce: più treni verso il Gottardo

La Prealpina - 29/07/2016

Ancora numeri in crescita per Hupac, l’operatore svizzero del traffico intermodale treno-gomma con quartier generale e terminal a Busto Arsizio. Nel primo semestre, si è registrato un incremento del traffico del 12,3% rispetto al 2015. Il giro di boa di metà anno si chiude con un incremento in volume pari al 12,3%, con un totale di circa 40.000 spedizioni stradali trasportate in più. «La nostra strategia di crescita si dimostra vincente nonostante il vantaggioso prezzo del gasolio per il trasporto su strada e la debolezza dell’euro», osserva Bernhard Kunz, direttore di Hupac.

Nella business unit “Shuttle Net” vanno segnalati i nuovi collegamenti Venlo-Busto Arsizio, Zeebrugge-Novara e Rotterdam-Brescia, come pure gli incrementi di frequenza sulle relazioni Colonia-Novara e Duisburg-Busto Arsizio. Nell’area dell’Europa orientale sono stati attuati la ristrutturazione della rete polacca e il consolidamento dell’asse Austria-Ungheria-Romania-Balcani, mentre è stato introdotto il raccordo Novara-Trieste per collegare i mercati di Grecia e Turchia con la rete “Shuttle Net” via mare. Numerosi progetti sono stati concretizzati anche da parte dalla business unit “Company Shuttle”. Hupac sta sviluppando in modo mirato il mercato dei trasporti con megatrailer nel traffico combinato transalpino.

«Nel 2020 andrà in esercizio il corridoio di quattro metri via Gottardo. Intendiamo presentare già oggi delle prospettive al mercato, al fine di accelerare a tempo debito il processo di trasferimento del traffico», sottolinea Kunz. Nel secondo semestre 2016 saranno introdotte altre dieci partenze per rafforzare l’offerta attraverso il corridoio dei 4 metri del Lötschberg.