Guide turistiche nel limbo Chi rilascia i tesserini?

La Prealpina - 26/05/2017

Ieri il Piano di rilancio turistico della città ha avuto il passaggio in Commissione, ma l’attuazione del lavoro dell’assessorato guidato da Roberto Cecchi è già partita.

Nei giorni scorsi, infatti, l’assessore ha avviato gli incontri con due dei tavoli tematici previsti, con le guide turistiche e con gli operatori di teatro: «Le guide sono centrali nella nostra azione – ha affermato il membro della giunta – perché sono i professionisti che veicolano le informazioni sulla città e ne sono portavoce. Sono emerse anche delle criticità perché, a causa del riassetto istituzionale, la Provincia non rilascia più il tesserino di abilitazione e ancora oggi non si sa quale ente debba essere responsabile». L’iter decisionale è ancora incagliato in ricorsi e sentenze al Consiglio di Stato. Un segnale non certo idilliaco, che fa il paio con la “figuraccia dell’Italia” di ieri, così come descritta dal ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, quando il Tar del Lazio ha bocciato le nomine straniere alla guida di cinque fra i principali musei italiani.

Tornando a livello locale, l’incontro sul teatro ha visto la partecipazione di ben trentadue soggetti: «Per avere maggiore operatività – ha sottolineato Cecchi – ho chiesto di restringere i gruppi di lavoro e i protagonisti si sono divisi in quattro sotto-sezioni, che si riuniranno costantemente, mentre noi parteciperemo con le valutazioni di carattere generale. Di certo puntiamo sulla qualità e soprattutto nel dare identità alle tante manifestazioni che si svolgono a Varese di cui si sa un po’ poco. Qualità a cui aggiungere programmazione, in cui la cittadinanza si possa riconoscere meglio».

Intanto la Commissione ha dato il via libera al progetto e ora si attende il passeggio in Consiglio comunale, mentre allo stesso tempo, ai due gruppi di lavoro sopracitati si aggiungeranno anche quelli relativi a paesaggio, cultura industriale e musica.

«Il piano – ha concluso Cecchi – è stato integrato dalle osservazioni dei cittadini e delle varie realtà operanti in città. Abbiamo ricevuto tante riflessioni rilevanti, ma anche diverse tra loro. Il nostro compito è stato quello di ricondurle in una sintesi, attraverso i tavoli tematici, con l’obiettivo di un rilancio turistico complessivo della città».