Giovedì inaugura Mango Debutta la moda spagnola

La Provincia Varese - 16/11/2016

Mango sbarca in piazza Carducci. Giovedì la grande inaugurazione del punto vendita della catena spagnola che prenderà il posto dello storico Bianchi. Dopo anni di attesa, lavori in corso e voci sulle possibili attività che avrebbero sostituito uno dei negozi storici del centro città, è finalmente stato svelato il mistero. Sarà Mango a tagliare il nastro giovedì 17 novembre. Due piani di negozio, 333 metri quadri, dedicati alla moda e agli accessori per le donne varesine. «La trattativa con Mango è in essere da 2 anni – rivela il titolare, che in centro ha anche i due franchising dedicati all’abbigliamento, Celio e Jennifer, e il nuove negozio di make up White – Quando hanno visto la location, che hanno reputato prestigiosa, si sono convinti e giovedì inauguriamo». Mango è una multinazionale famosa nel mondo che realizza, produce e commercializza abbigliamento e accessori per uomo, donna e bambini. Attualmente ha oltre 13.456 dipendenti, 1.800 dei quali impiegati presso l’Hangar Design Centre e la sede centrale di Barcellona. Al di là delle statistiche, si tratta di un’azienda composta da un team giovane ed entusiasta la cui età media è 29 anni, costituito all’86% da donne. «Ed è alle donne che saranno dedicati i due piani di negozio. Un target molto vasto, dai 25 anni in su, che veste qualsiasi tipo di look, dal casual all’elegante e che ricerca prodotti con un rapporto qualità prezzo competitivo». Per capire il target, basti sapere che il vero competitor di Mango è Zara, l’altra catena che a Varese occupa i due piani in via Vittorio Veneto. «Credo che un’offerta di questo tipo possa interessare molto alle varesine che amano fare shopping, essere alla moda, senza spendere troppo. Saremo aperti tutti i giorni ad orario continuato per garantire il servizio». Il centro storico si arricchisce quindi di un altro franchising, avvicinandosi sempre di più allo stile di un centro commerciale all’aperto, perdendo un po’ della sua tipicità legata al piccolo commercio. «È un dibattito che spesso si fa tra commercianti, ma non credo che i grandi brand internazionali siano la causa della crisi del piccolo commercio – sottolinea Risi – Rispondono semplicemente ad una domanda in continua crescita, soddisfano le richieste della clientela che vuole cambiare spesso, che prova soddisfazione nel fare acquisti senza spendere troppi soldi». Una cosa è comprare un total look con 150 euro e una con 500, dice Risi. «I commercianti che saranno in grado di intercettare il cambiamento, mettendosi in gioco e rinnovandosi, potranno anche trarne beneficio. Una realtà non esclude l’altra, entrambe possono convivere». Il negozio di piazza Carducci non occuperà totalmente gli spazi lasciati liberi da Bianchi, ma solo il piano terra e il piano meno uno. Al secondo piano entreranno degli uffici e una Banca. Mango invece aprirà per la prima volta giovedì 18 novembre alle 9:30, senza una vera e propria inaugurazione. n